X

L'area del sisma

Tempo di lettura 2 Minuti

UNA forte scossa di terremoto è stata registrata dai sismografi dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 04:50:55 ore italiana in Calabria.

L’epicentro è stato in mare al largo di Tropea con una magnitudo di 4.4  ed una profondità pari a 57 chilometri ed è stato nettamente percepito dalla popolazione non solo del Vibonese ma dell’interna Calabria. 

I centri più vicini al lugo della scossa sono stati Tropea e Ricadi, a circa 10 chilometri dall’epicentro, seguiti da tutti i comuni della costa vibonese e del promontorio di Capo Vaticano. 

Tuttavia, come detto, la forza del sisma è stata tale che il terremoto è stato percepito tanto a Reggio Calabria quanto a Cosenza.

La Prefettura di Vibo Valentia, da subito, ha disposto immediati monitoraggi da parte dei Sindaci e Commissari dei Comuni, restando in costante contatto con carabinieri, vigili del fuoco, Capitaneria di porto, Protezione civile regionale, Dipartimento nazionale Protezione civile, Prefetture di Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza.

Dai controlli effettuati è stato confermato che non sono segnalati danni a persone o a cose.

Tutti gli Enti restano comunque allertati e la Prefettura continua a seguire la situazione senza interruzione.

La Protezione Civile fa sapere come «da molti comuni della Calabria sono pervenute segnalazioni al numero verde 800222211 della Sala Operativa Regionale Unica (SORU) della Protezione Civile della Regione Calabria soprattutto, oltre che dalla popolazione residente, anche dai molti turisti che affollano la costa tirrenica calabrese. I tecnici della SORU – prosegue la Protezione Civile – dal momento del sisma sono in costante contatto con i sindaci ed i tecnici dei comuni più prossimi all’area epicentrale. La protezione civile regionale ha comunque avviato ulteriori approfondimenti, con proprio personale, per verificare gli effetti del sisma sulle strutture. Al momento non si registrano danni a persone e cose».

Inoltre, la Protezione Civile fa sapere che «il fenomeno è stato originato da un sistema di faglie molto prossimo al largo della costa tirrenica vibonese e non ha alcuna correlazione con il vulcano Marsili, ben più distante dalla stessa costa. Eventuali danni prodotti dal sisma possono essere comunicati direttamente al numero verde della sala operativa della Protezione Civile della Regione Calabria 800222211, aperto 24 su 24 tutti i giorni dell’anno».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares