X

Tempo di lettura 3 Minuti

Sale a sedici il bilancio delle vittime del a Covid 19 in provincia di Avellino. Anche ieri la conta dei decessi si è aggiornate ulteriormente. Due quelli accertati al Moscati. In serata si è registrato l’ennesimo decesso di un paziente ricoverato, si tratta di un settantenne che era ricoverato nel Reparto di Rianimazione dove era stato trasferito il 18 marzo scorso. Anche lui era risultato positivo al Covid-19. Si tratta del secondo caso accertato nella sola giornata di ieri. Prima di lui era risultato positivo il tampone su un altro cinquantasettenne deceduto. Un bilancio in ci continuo aggiornamento. Che si aggiunge al decesso avvenuto solo ventiquattro ore prima. Nella tarda mattinata di mercoledì era deceduto nell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’Azienda Moscati un settantaduenne di Venticano, risultato positivo al Covid-19. L’uomo poliziotto in pensione al era ricoverato dal 15 marzo scorso ed era intubato. Il suo cuore ha smesso di battere dopo alcuni giorni di agonia. Una lunga lista di morte, quella che ormai fa registrare quasi una vittima al giorno. Prima di loro era toccato ad un cinquantaseienne docente originario di Zungoli ma residente ad Ariano Irpino si è fermato. Non ce l’ha fatta e le sue condizioni sono andate via via peggiorando fino al più tragico epilogo. Il cinquantaseienne di Rione Martiri, ricoverato all’ospedale Rummo di Benevento era in servizio a Foggia e residente in via Villa Caracciolo. Era stato ricoverato con i sintomi di sospetto Covid-19 il sette marzo, ed il giorno dopo il suo tampone era risultato positivo. Il bilancio più nero dopo quello della settimana scorsa. Tra la notte di giovedi’ e la giornata di venerdì si sono registrati tre decessi di persone affette da Covid- 19 all’Azienda Ospedaliera Moscati. Si tratta del sacerdote 86enne di Ariano Irpino, Don Antonio Di Stasio, ricoverato dal 14 marzo presso l’Unità Operativa di Medicina d’urgenza dopo che aveva avuto un malore ed era successivamente risultato positivo al tampone, di un 89enne di Flumeri, ricoverato dal 15 marzo in Medicina Interna dove era giunto da una casa di accoglienza per anziani e di un 86enne di Greci, ricoverato dal 6 marzo in Medicina Interna. Tutti e tre erano pazienti pluripatologici e dopo alcuni giorni non hanno superato la grave polmonite che ne aveva determinato il ricovero. In mattinata era deceduto un ottantaquattrenne di Bonito, ricoverato al Frangipane di Ariano Irpino. Nella serata di giovedi si era registrato ll decesso di un’anziana di Villanova del Battista, ricoverata al Sant’Anna e Ssn Sebastiano di Caserta. La notizia giunta in serata dai colleghi di Canale 58. Una vittima che si aggiunge agli altri due pazienti ricoverati nel Reparto di Terapia Intensiva del Moscati di Avellino che erano deceduti mercoledi’. Si tratta di soggetti che erano già risultati positivi al tampone praticatogli al momento del ricovero per sospetto Covid. Così anche nella giornata di ieri all’Azienda Moscati sono deceduti due pazienti affetti da Covid-19, entrambi ricoverati nell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione. Si tratta di un sessantaseienne di Napoli, trasferito il 13 marzo scorso dall’Ospedale Cardarelli. Presentava patologie pregresse. Il secondo decesso è quello di un sessantaquattrenne di Ariano Irpino, trasferito alla Città Ospedaliera il 12 marzo scorso dal Presidio ospedaliero Frangipane di Ariano. L’uomo era un malato oncologico e aveva seri problemi cardiaci. Anche loro non c’è l’hanno fatta a superare la grave polmonite .

Positivi 180 Vittime 16
ARIANO 73, GESUALDO 2, GROTTAMINARDA 2, SAVIGNANO 1, BONITO 1, SCAMPITELLA 5, VILLANOVA 1, FLUMERI 8, MIRABELLA 9, VENTICANO 3, CHIUSANO 4, AVELLINO 15, MERCOGLIANO 8, FORINO 3, MONTEFREDANE 1, SOLOFRA 7, LAURO 2, S. MARTINO VC 1, MONTEFORTE 3, MELITO 2, TAURASI 1, VILLANOVA 2, S.ANGELO DL. 1, S. MICHELE DI S. 1, VALLESACCARDA 1, MONTECALVO 1, CESINALI 1, CASTELBARONIA 1, TREVICO 2, CERVINARA 2, LACEDONIA 5, BONITO 2, BAGNOLI 1, MONTECALVO. 1, MONTEFRREDANE 1, ATRIPALDA 1, FONTANAROSA 1, PRATOLA SERRA 1

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares