X
<
>

Condividi:

;E’ già scattato il conto alla rovescia per la dodicesima edizione del Premio Sublimitas, alto riconoscimento internazionale alla carriera, promosso e organizzato da Peppino Colarusso, presidente nazionale Fibes. Si allarga, come da tradizione, la rosa dei nomi dei premiandi, tutti professioniste eccellenti e di indubbio spessore culturale e umano. L’ambito premio si terrà il prossimo 7 marzo, alle 20, presso il Park Hotel L’Incontro di Ariano Irpino. Ecco l’elenco dei premiandi: Matteo Piantedosi, prefetto e vice capo della Polizia di Stato, Carlo Sessa, prefetto di Avellino, Giorgio Sensale, giudice Corte d’Appello di Napoli e scrittore, Mario Stranges, scrittore ed ex presidente del Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi, Francesco Soviero, magistrato DDA Napoli, Gerardo Capozza, capo del cerimoniale di Stato, Giuseppe Salomone, dirigente compartimentale Polstrada Campania, Salvatore Imparato, comandante provinciale Polstrada, Francesco Merone, colonnello provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Avellino, Antonio Belsole, imprenditore toscano, Alessio Barbarulo, comandante provinciale Vigili del Fuoco di Avellino, Giovanni Ragazzo, ex presidente Anpas di Scampitella, Marcello Masi, direttore Tg2, Luciano Ghlefi, giornalista parlamentare Tg2, Lorenzo Calò, capo redattore de Il Mattino di Benevento, Ettore De Lorenzo, giornalista sportivo Tg3 Campania, Luca Cipriano, presidente del Conservatorio Cimarosa e del Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, Gabriele Greco, attore, Vincenza La Sala, ingegnere e giornalista.
Premio alla carriera al cantautore pugliese Nicola Di Bari, alias Michele Scommegna, che ha iniziato a esibirsi proprio in Irpinia. Ospite d’onore anche la giovane e talentuosa cantante di Atripalda, Sabrina Spillo. Come da copione non mancheranno gli ospiti d’onore e i vertici delle forze dell’ordine provinciali. Nei prossimi giorni saranno resi noti gli altri nominativi selezionati dalla Commissione Scientifica preposta all’assegnazione del riconoscimento internazionale alla carriera. Soddisfatto per la selezione finora fatta il prof Peppino Colarusso che ha poi ribadito: “Il Sublimitas rimane il premio più imitato, ma è unico e originale. Noi premiamo sempre e solo il top delle eccellenze meridionali. Il livello dei premiandi di questa edizione è il migliore di sempre”.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA