X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

L’Irpinia sta bruciando, su vaste aree. Sono giorni difficili, sul fronte degli incendi, e nella lotta contro i piromani che ciclicamente, e a zone, decidono di devastare determinate aree. Ieri è stata una giornata nera a Scampitella, località Migliano Calaggio. Circa trenta gli ettari di bosco invasi dalle fiamme. Sul posto sono intervenuti gli uomini della squadra del Genio Civile con elicotteri regionali, e poi è stato necessario l’intervento di un canadair per riuscire a tenere testa alle fiamme che stavano divampando, alimentate dal caldo e dal vento.


Condizioni ottimali, per i fuochi, grande lavoro e anche alto rischio per gli operatori che anche in questa domenica di settembre sono stati al lavoro per cercare di domare il fuoco ed evitare ulteriori conseguenze ancora più drammatiche. Le fiamme nelle ultime ore hanno interessatola Baronia ma stanno coinvolgendo anche altre zone, dove pure è salita la preoccupazione.


I vigili del fuoco, gli operatori del Genio Civile stanno lavorando in questi giorni a San Lorenzello, in provincia di Benevento, in supporto ad un grande incendio che da martedì sta flagellando i boschi. Interventi sono stati necessari anche a Quadrelle e a Sirignano, e Santa Cristina- Moschiano.


Non sono ancora domate le fiamme a Montella, dove sono andati distrutti ettari di bosco assieme ad altrettanti ettari di castagneto. Una rovina. Sei ettari di castagneto in fiamme in località Valle dell’Annunziata a Montella.


Da qualche giorno sono state avviate le operazioni per domare il rogo che ha distrutto gran parte delle produzioni più importanti della zona altirpinia. Negli ultimi giorni su Montella sono stati mobilitati molti uomini, a partire dalla squadra genio civile, della Comunità montana Terminio, i Vigili del fuoco , i volontari e il Dos del Genio Civile, coordinato dalla dirigente Claudia Campobasso, che ha coordinato l’intervento dei due elicotteri arrivati di Montella.


Qualche giorno prima, il fuoco ha devastato un ampio fronte di montagna a Serino, contemporaneamente ad un grosso e preoccupante incendio a Montoro. Sia nel primo che nel secondo è stato necessario un lungo e articolato intervento dei mezzi aerei per riuscire a domare le fiamme. Operazioni che sono andate avanti per alcuni giorni, dato il vasto fronte di fuoco che poteva minacciare anche i centri abitati.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares