X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

SERINO- Sono i giorni più duri: questo è il Comune tra i più colpiti, e la variante inglese non aspetta tempo, corre veloce, tanto da aver contagiato interi nuclei familiari e portato a quattro vittime (come riferiamo a pagina 5). E’ una lotta contro il tempo. Gli effetti del contagio si fanno sentire nei comuni vicini, perciò le amministrazioni stanno facendo quadrato. Serino e Santa Lucia sono in lockdown, autorizzata solo la vendita di generi alimentari.

Ma i Comuni, compreso SanMichele di Serino, stanno predisponendo la serrata di Pasqua: i giorni 4 e 5, Pasqua e Pasquetta, serrande abbassate per tutti, autorizzati a restare aperti solo farmacia ed edicola. Rafforzati i controlli sul territorio, Polizia e Carabinieri stanno presidiando il territorio in entrata e in uscita, e soprattutto sarà massima allerta a Pasquetta, giorno di gite fuori porta in direzione Terminio.

Anche il sindaco di Solofra, Michele Vignola, ha disposto la chiusura di tutti gli esercizi commerciali di vicinato del settore alimentare dal 4 al 5 aprile, compresi supermercati, medie e grandi strutture di vendita. «Nonostante il difficilissimo momento che sta attraversando la nostra comunità, stiamo cercando in tutti i modi e con tutti gli sforzi possibili di mettere in campo ogni azione utile a superare questo periodo – ha detto ieri il sindaco di Serino Vito Pelosi – Si è allargato lo screening dei tamponi soprattutto sui contatti diretti e familiari dei positivi per cercare di fermare e circoscrivere questo terribile virus, che purtroppo manifesta una maggiore contagiosità, soprattutto all’interno dei nuclei familiari.

Alla luce dei dati sulla situazione epidemiologica, unitamente ai Sindaci di SanMichele di Serino e Santa Lucia di Serino, nei giorni scorsi è stata inviata una richiesta a Maria Morgante, Direttore Generale dell’Asl di Avellino, e ad Antonio Limone, Direttore dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, in cui si chiede un monitoraggio ancora più allargato attraverso uno screening di massa.

È stata, inoltre, reiterata la richiesta per accelerare la campagna di vaccinazione. Il Comune di Serino, a tal proposito, ha dato disponibilità per l’allestimento di una propria sede vaccinale proponendo di farsi carico di tutti gli oneri economici, anche in termini di personale». Infine da ieri sera, dopo l’orario di chiusura e fino a questa i mattina prima della riapertura, sarà effettuata la sanificazione di tutte le aree esterne delle attività aperte attraverso la ditta Ecobuilding s.r.l.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares