X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Montefredane (AV) – La pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Avellino, nel corso di un servizio perlustrativo, finalizzato alla verifica del rispetto delle misure per il contenimento della diffusione del Covid-19 ed alla prevenzione dei reati in genere, ha intimato l’“Alt” al conducente di una moto.

In un primo momento il motociclista rallenta la marcia, fingendo di fermarsi; dopo poco abbandona il mezzo e scappa a piedi, venendo prontamente raggiunto e bloccato dai Carabinieri.

Si tratta di un trentenne di Atripalda, già noto alle Forze dell’Ordine, al quale già era stata sospesa la patente.

Visibilmente agitato, il motociclista rifiuta l’invito di sottoporsi al test alcolemico.

Oltre al deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per i reati di “Resistenza a pubblico ufficiale”, “Guida con patente revocata” e “Rifiuto di sottoporsi ad esami alcolemici e tossicologici”, per il trentenne è scattata la sanzione per aver violato le prescrizioni di carattere sanitario relative all’emergenza pandemica in atto.

La moto è stata sottoposta a sequestro.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA