X
<
>

Condividi:

TAURANO- Un boato ed il crollo. Quello che ieri mattina si è registrato nella Chiesa dell’Assunta a Piazza delle Fontane di Taurano. Quando sono giunti nella chiesetta dove fino a qualche giorno prima si era recitata la novena sono stati gli stessi residenti della zona a gridare al miracolo, quello che al momento in cui è venuto giù il tetto non era in corso nessuna cerimonia religiosa. E quindi un modo con cui la madonna ha voluto proteggere la sua comunità.

Sul posto è subito intervenuto sia padre Michele, il parroco del paese del Vallo che il sindaco Salvatore Maffettone. Tanti i residenti che hanno raggiunto la chiesa al centro del paese ancora sbigottiti per la scena che si è presentata ai loro occhi. Intatte per fortuna sia la statua della Vergine Assunta che quella di San Antonio. In Piazza delle Fontane sono giunti anche gli agenti del Commissariato di Polizia di Stato di Lauro, agli ordini del vicequestore Elio Iannuzzi.

Intorno alle quindici è giunta anche una squadra del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco. Dopo aver effettuato una verifica di stabilità della struttura, la squadra intervenuta ha da prima rimosso alcune parti pericolanti, e poi nonostante la pericolosità della restante parte del soffitto, ha portato in un luogo sicuro fuori dalla Chiesa le statue sacre raffiguranti sant’Antonio e Maria Santissima Assunta, alla presenza del Parroco Padre Michele, del Sindaco e di alcuni devoti.

Ovviamente sono in corso di accertamento le cause per cui si è verificato il crollo del soffitto ligneo, che ha danneggiato anche la tela del diciottesimo secolo attribuito al Ricciardi. C’è grande sconcerto in tutto il Vallo e anche una serie di solidarietà giunte alla comunità di Taurano da tutta l’area.

Il vicesindaco Tommaso Buonfiglio ha invitato a rimboccarsi le maniche come sempre fatto a Taurano e di riportare la chiesa e la tela all’antico splendore. Il sindaco Salvatore Maffettone, che dalla mattinata ha seguito insieme ai padri francescani tutte le operazioni, ha voluto solo rilevare come quella di oggi debba essere una giornata di preghiera per il miracolo che è avvenuto.

Disponibilità a partecipare ad una raccolta fondi per ricostruire la chiesa. Non manca qualche polemica, ma prima di conoscere le vere cause del crollo per il momento si pensa solo al futuro della struttura religiosa e al fatto che non ci siano state più gravi conseguenze.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA