X
<
>

Condividi:

Nel primo giorno di ritorno in presenza per le superiori a a risultare assenti sono proprio gli studenti. Nei pochi comuni in cui le scuole restano aperte, in seguito alle chiusure disposte dai sindaci per l’emergenza neve o per prevenire i contagi, la presenza nelle aule è pari al 10%. Un’assenza determinata dai disagi causati dalla neve, in particolare per gli studenti pendolari ma anche dalla volontà di far sentire la propria voce di protesta. Lucia Forino, dirigente del liceo Virgilio, sottolinea come “il primo giorno, dopo le vacanze, è stato caratterizzato da un alto tasso di assenteismo, pari circa all’80%.

Pochissimi, invece, i contagi tra il personale docente. Avevamo già ricevuto nei giorni scorsi numerose comunicazioni di positività dagli studenti, per i quali avevamo disposto l’attivazione della Dad ma ci siamo ritrovati con un numero davvero esiguo di alunni per aula. Abbiamo anche ricevuto dai rappresentanti d’istituto la richiesta di riprendere le lezioni a distanza per tutta la comunità scolastica, ma si tratta di una richiesta che non possiamo accontentare.

E’, però, un dato di fatto che la Dad avrebbe potuto rappresentare una soluzione temporanea, garantendo la possibilità di seguire le lezioni a tutti gli studenti e consentendo un rientro più tranquillo”. Quindi Forino si sofferma sulle difficoltà legate al nuovo protocollo “In caso di due positività, gli studenti vaccinati da non più di 120 giorni potranno tornare in presenza con mascherina Ffp2, per gli altri sarà attivata la Dad ma i docenti dovranno controllare ogni giorno se gli studenti assenti hanno diritto o no all’attivazione della Dad”.

Più ottimista la dirigente dell’Ite Amabile Antonella Pappalardo“ Nel nostro istituto non abbiamo docenti in quarantena e non avremo problemi nel garantire vigilanza nelle classi. Abbiamo già ricevuto, inoltre, comunicazione da parte degli stessi studenti sul loro stato vaccinale, possiamo contare, anzi, su una popolazione scolastica composta al 90% da alunni vaccinati. La difficoltà era proprio legata alla chiusura della primaria e secondaria di primo grado. Molti docenti, genitori di allievi di scuole elementari e medie, avevano difficoltà nel conciliare le loro esigenze con quelle dei loro figli, costretti a restare a casa in dad.

Credo si stia facendo troppo allarmismo, le criticità sono le stesse che c’erano anche prima delle vacanze. Naturalmente continueremo ad applicare le misure di sicurezza già in vigore”. A far sentire la propria voce nel primo giorno di rientro in aula sono proprio gli studenti con una lettera dei rappresentanti di istituto irpini alle istituzioni locali, dal Direttore Generale dell’Asl di Avellino Maria Morgante, dal Provveditore agli studi Rosa Grano al Presidente della Provincia di Avellino Rizieri Rino Buonopane, nella quale si avanzano proposte concrete, per una scuola in sicurezza, a partire da “un report per constatare quanti sono i giovani e le giovani che lunedì non saranno presenti in classe, perché in quarantena precauzionale o positiv”.

Grande attenzione viene rivolta anche al problema trasporti “Da oggi per usare il trasporto pubblico bisogna avere il Green Pass “Rafforzato” (vaccina – zione e guarigione). Quanti sono gli studenti non vaccinati in Irpinia? Quanti non potranno recarsi a scuola perché non hanno il Green Pass? Chiediamo che vengano organizzati da parte dell’Asl di Avellino Open Day dedicati solo agli studenti che, potrebbe essere avvisati telematicamente della possibilità di vaccinarsi”. Una proposta che si affianca a quella di uno screening di massa “Chiediamo ancora una volta che venga offerta a tutti gli studenti e le studentesse la possibilità di sottoporsi a tampone, antigienico o molecolare, gratuitamente anche nei pressi degli istituti scolastici”. Fino alla questione dei sanificatori nelle classi “Ci domandiamo poi perché ancora nel 2022, dopo due anni da inizio pandemia, la maggior parte delle classi non siano dotate di appositi sistemi di aerazione e sanificazione”. Una richiesta che si affianca a quella della fornitura gratuita di mascherine FFP2”.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA