X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

AVELLINO- Il blocco dei lavori di completamento e adeguamento dell’Autostazione frena anche la “rivoluzione” dei terminal bus in città che, nelle intenzioni del sindaco Gianluca Festa doveva essere portata a compimento ad inizio 2021, proprio nelle more della consegna del costruendo complesso di impianti destinato allo stazionamento dei bus a via Pini. La rescissione contrattuale avviata dall’azienda Air Spa con l’impresa che stava realizzando le ultime opere, la Co.ge.ba costruzioni, colpita ad una interdittiva antimafia dalla Prefettura di Napoli, per forza di cose impedisce la consegna dell’opera per dicembre, così come stabilito nel cronoprogamma dell’ultima tranche di interventi.


In queste ore i legali di Autoservizi Irpini Spa sono al lavoro per verificare la soluzione più celere. Tra le alternative c’è l’affidamento diretto degli interventi mancati alla seconda ditta arrivata alla gara d’appalto, già affidata in via definitiva con forte ritardo il febbraio scorso, a causa di un ricorso presentato proprio da un’im – presa partecipante, contro l’aggiudicazione provvisoria alla Co.ge.ba. Per questo non è da escludere che l’Air, sempre sulla scorta delle verifiche legali in atto, possa optare per la pubblicazione di una gara ex nova.


Il tutto senza dimenticare il ricorso presentato dalla Cogeba per chiedere la sospensiva dell’interdittiva prefettizzia che, inevitabilmente, potrebbe allungare ulteriormente tempi ed iter amministrativi già incerti. Una serie di passaggi che, come detto, complicano l’obiettivo del sindaco Festa di dotare la città di tre nuovi terminal, con l’Autostazione perno centrale, e altri due stazionamenti agli ingressi Est ed Ovest della città. Un piano che il primo cittadino aveva annunciato contestualmente alla delocalizzazione temporanea del terminal da Piazza Kennedy a Piazzale degli irpini, nel dicembre 2019, con contestualmente spostamento del mercato e annesse polemiche.


Una soluzione che sarebbe dovuta durare 12 mesi e che, a questo punto, resterà in piedi anche nei prossimi mesi. Per questo secondo Festa sarà inevitabile prorogare l’ordinanza per la sosta dei pullman a Piazzale degli Irpini, in scadenza il 31 dicembre 2020. “Non essendo ancora completata l’Autostazione, c’è esigenza di andare avanti con questa soluzione temporanea- spiega il sindaco- Laa competenza per la realizzazione dell’Autostazione è in capo all’Air così come tutte le decisioni future. Tuttavia, il fatto stesso che l’Azienda abbia subito provveduto alla rescissione contrattuale con la Co.ge.ba, fa affrontare in maniera rapida la questione e c’è l’auspicio che si possa magari passare alla seconda in graduatoria per completare l’opera. Per il momento come Comune non possiamo far altro che aspettare, ma sposiamo la linea assunta dai veritci societari”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares