X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

Un caso legato alla paura del Covid all’interno di un seggio nel comune di Sturno. Quello avvenuto nel pomeriggio di ieri. All’interno della prima sezione, tra i votanti c’era anche un contatto stretto di un giovane positivo al Covid (ma fino alle 16:40 di ieri in isolamento in attesa dell’esito del tampone mdr), che giunto da fuori regione, non aveva avuto contatti con il familiare, nel frattempo trasferitosi presso un’ altra abitazione da solo.


Ma la circostanza, evidentemente non nota a tutti ha scatenato il panico tra gli operatori del seggio e gli elettori- Così, verosimilmente anche temendo che fosse stato lo stesso contagiato a recarsi alle urne, per alcuni minuti è stata invocata anche la chiusura del seggio.


A riportare la calma, anche intervenendo in pochi minuti per disporre la sanificazione della sezione e i provvedimenti relativi alla comunicazione della positività da parte dell’Asl è stato il primo cittadino di Sturno, Vito Di Leo, che ha seguito personalmente tutte le operazioni. Dopo qualche minuto dalla sanificazione il seggio è stato riaperto.


Il primo cittadino ha tenuto proprio a far rientrare l’allarme, anche comprendendo l’ansia dei suoi concittadini dopo la notizia del caso di positività al Covid. Intanto il contagio non si ferma. Dal bollettino dell’Asl sono stati comunicati altri sei casi, a cui si aggiungono almeno altri tre, relativi alla Valle Caudina che sono stati annunciati da parte dei sindaci.


Nello specifico si tratta di sei casi contatti di persone già positive e di due casi che invece riguardano rientri da fuori regione. Il bollettino dell’Asl si riferisce a due residenti nel comune di Grottaminarda, contatti di positivo. Un residente nel comune di Sturno, contatto di positivo. Un residente nel comune di Taurasi, contatto di positivo. Un residente nel comune di Roccabascerana, rientro extraregionale.


Infine c’è anche un primo dato relativo ai tamponi a tappeto eseguiti nell’ambito dello screening da parte dell’Asl di Avellino chiesto dal sindaco- Marco Alaia, ancora un positivo, si tratta di un diciottenne residente nel comune di Sperone. Al di fuori del bollettino Asl, c’è anche la comunicazione di due casi positivi, due nuovi cluster nel comune di Cervinara.


Si registrano altri due positivi al Covid a Cervinara. Le famiglie interessate sono in isolamento, ma va tenuta alta l’attenzione perche’ il Virus circola nel nostro paese.I due casi di oggi non hanno nulla a che fare con il primo positivo. Si raccomanda la popolazione di osservare le regole sul distanziamento sociale, nonche’ tutte le precauzioni del caso.


Lo ha comunicato il sindaco Filuccio Tangredi. Anche nella vicina Roccabascerana, il sindaco Roberto Del Grosso ha comunicato del caso positivo, rassicurando la popolazione: «Voglio tranquillizzare tutti perché trattasi di un rientro da fuori regione, che non ha avuto contatti con il territorio, poiché avendomi comunicato l’eventuale possibile contagio avevo preventivamente con mio ordinanza disposto isolamento obbligatorio per lui e per tutti i suoi famigliari conviventi nonché per contatti dichiarati dallo stesso. Il Suo stato di salute è buono, a lui vanno gli auguri di una pronta e serena guarigione.


Colgo l’occasione per salutare la guarigione con addirittura tre tamponi negativi del primo caso». Un altro caso sarebbe in via di guarigione nel comune della Valle Caudina. Il contagio, però, da alcuni giorni ormai non rallenta. Nel capoluogo corsa ai tamponi dopo che il proprietario di un bar del centro è risultato positivo ed è stato ricoverato.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares