X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

Sono 390 i nuovi casi di coronavirus registrati ieri in Campania. Mai così tanti dall’inizio della pandemia, che confermano una curva sempre più in aumento per la regione, ancora una volta ai primi posti in Italia per casi positivi, ieri è stata seconda solo al Veneto, che di contagi ne ha registrati 440. Il dato diffuso dall’unità di crisi regionale è il più alto registrato in Campania dall’inizio dell’emergenza Covid-19.


Sono 8.311 i tamponi esaminati . Il totale dei positivi in Campania dall’inizio dell’emergenza sale così a 13.132, mentre sono 604.302 i tamponi complessivamente esaminati. Non si registrano nuovi decessi (il totale resta 463) mentre sono 107 i nuovi guariti, con il totale che sale a 6.273.


E la curva dei contagi sale anche in Irpinia. Quelli che più schizzano riguardano i contatti dei casi di focolaio nella Valle Caudina e nel Baianese. I casi comunicati dall’Asl di Avellino nella giornata di ieri sono 18. E otto di questi riguardano Cervinara, si tratta della conferma in buona sostanza dei tamponi eseguiti privatamente subito dopo la diffusione dei primi dati del contagio nella cittadina caudina.


Il gruppo di Uniti per Cervinara ha chiesto li screening per tutti i cittadini: “Pertanto, chiediamo al Prefetto, in nome della verità e trasparenza; e per evitare ulteriore caos cittadino, di verificare la corretta gestione della seria emergenza sanitaria che la comunità di Cervinara sta vivendo sulla propria pelle. È impensabile che occupare una posizione pubblica e di componente del consiglio comunale, serva ad evitare l’obbligo ed il dovere morale di rispettare le norme; soprattutto quando il prezzo da pagare è il rischio di un’ulteriore diffusione del contagio.


Si chiede inoltre che siano messe in atto da parte di chi di dovere, in maniera rigorosa, tutte le norme epidemiologiche previste per la limitazione e blocco della diffusione del virus. E si sollecita l’amministrazione comunale a decidere l’effettuazione di esami di screening gratuiti per tutti i cittadini, fino alla normalizzazione dell’evento critico.


Mai come in questa vicenda, al primo posto i cittadini Conferme e numero di aree dove sono attivi cluster e focolai che arrivano anche dal Baianese. Nel comune mandamentale i casi sono sei.Si tratta di tre donne di 63, 33 e 27 anni e tre maschi. In questo caso sono due di 32 e 38 anni e di un bambino di due anni. Prima del bollettino Asl era stato il sindaco Enrico Montanaro a dare la notizia: “Pur trattandosi di numeri importanti per la nostra comunità, voglio specificare per non creare inutili allarmismi, che i positivi sono contatti di un precedente caso accertato e quindi si trovavano giá da diversi giorni in isolamento.In queste ore comunque l’Asl sta continuando ad effettuare tamponi nel nostro territorio e a porre in isolamento eventuali contattati positivi. Chiudo però con una buona notizia e cioè che due persone i Baiano precedentemente positive sono guarite.La situazione di Baiano in questo momento conta 7 positivi e 2 guariti”.


Nel Baianese sono nove i contagi. E’ stato registrato anche un altro caso a Mugnano del Cardinale. E nei giorni scorsi era toccato anche a Quadrelle. A questi si aggiungono i 17 casi di Sperone e i 10 di Avella. Numeri importanti che comunque vengono monitorati proprio per evitare che la curva continui a salire. Confermato anche il contagio di Moschiano, anche in questo caso si tratta di un contatto di un positivo. E nella lista dei contagi di questa seconda ondata torna di nuovo il virus anche a Serino.

E’ stato il sindaco Vito Pelosi a comunicarlo: “Si rende noto a tutti i cittadini che L’unità di Crisi Regione Campania ci ha appena comunicato l’esito positivo, al test Covid-19, di un nostro concittadino.Rassicuriamo sulle sue condizioni di salute e, allo stesso tempo, si comunica che lo stesso era già in isolamento domiciliare preventivo già da alcuni giorni in attesa dell’esito del tampone. Insieme a lui sono stati posti in isolamento domiciliare preventivo anche i contatti diretti appartenenti allo stesso nucleo familiare. Si invita tutta la cittadinanza a continuare a rispettare le norme di sicurezza ma soprattutto ribadiamo l’importanza di indossare la mascherina”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA