X
<
>

Tempo di lettura 4 Minuti

IRPINIA- Sei decessi ed un’altra scia di morte che il Covid si porta dietro in Irpinia. Tre decessi al Moscati e altri due presso il Frangipane, uno a Lioni, comunicatio dal primo cittadino, che si aggiungono ai quattro che da lunedì hanno scandito un vero e proprio percorsi di morte, che sta assumendo nelle ultime settimane in Irpinia caratteristiche e numeri assai più gravi di quelli della scorsa primavera.

Gli ultimi tre decessi registrati al Moscati sono avvenuti tra la mattinata ed il pomeriggio di ieri. Nel pomeriggio due pazienti Covid positivi, una 82enne di Nusco e un 85enne residente ad Acerra . La donna era ricoverata dal 25 ottobre scorso e dal 27 era in terapia subintensiva al Covid Hospital. L’uomo era stato trasportato al Pronto soccorso della Città ospedaliera l’8 novembre ed è deceduto nella terapia subintensiva dell’area Covid dell’Unità operativa di Medicina Interna. In mattinata invece era deceduto un settantacinquenne di Avellino, anche lui positivo al Covid. Mentre in serata ci sarebbe stato anche un decesso di un’anziana di Lioni, in questo caso a comunicarlo è stato il primo cittadino Yuri Gioino. Anche ad Ariano ci sono state vittime nell’area Covid del Frangipane, si tratta di due pazienti che erano ricoverati in Rianimazione e sono un 67 ennesi Napoli e un 85enne di Afragola. Entrambi, ricordano dall’ospedale, affetti da patologie pregresse. .

Salgono a 28 i decessi registrati negli ultimi 8 giorni negli ospedali irpini di Avellino, Ariano e Solofra. LA SITUAZIONE IN IRPINIA I positivi al coronavirus in Irpinia salgono a 175 casi su 1.400 tamponi analizzati. Con l’aggiornamento il bilancio sale a 2.029 contagiati in 12 giorni. Sono risultati positivi al coronavirus: 3 residenti nel Comune di Aiello del Sabato; 4 di Ariano Irpino; 4 di Atripalda; 12 di Avella; 22 di Avellino; 5 di Baiano; 1 di Capriglia Irpina; 1 di Castelfranci; 1 di Cervinara; 3 di Cesinali; 2 di Flumeri; 8 di Grottaminarda; 1 di Grottolella; 1 di Lacedonia; 6 di Lauro; 4 di Lioni; 1 di Manocalzati; 1 di Marzano di Nola; 2 di Melito Irpino; 10 di Mercogliano; 5 di Mirabella Eclano; 2 di Monteforte Irpino; 1 di Montella; 1 di Montemarano; 5 di Montoro; 5 di Moschiano; 3 di Mugnano del Cardinale; 1 di Nusco; 1 di Ospedaletto d’Alpinolo; 1 di Pago Vallo Lauro; 1 di Pietradefusi; 3 di Pietrastornina; 2 di Prata Principato Ultra; 1 di Quadrelle; 28 di Quindici; 1 di Roccabascerana; 3 di San Potito Ultra; 2 di Sant’Angelo dei Lombardi; 3 di Serino; 2 di Solofra; 2 di Sperone; 3 di Taura – no; 2 di Taurasi; 1 di Torella dei Lombardi; 1 di Tufo; 2 di Venticano; 1 di Villanova del Battista.

Nelle ultime 24 ore sono deceduti 3 pazienti. Intanto il contagio continua a salire sia nel capoluogo, dove ieri sono stati accertati altri venti casi, che nell’intera provincia. A partire dal Vallo di Lauro. A Quindici, dopo l’ennesimo decesso, il secondo nella nuova ondata, si registrano 28 casi. E non va meglio anche ad Avella, dove i contagi tornano a salire. Intanto a Solofra ci sono altri sette casi. E il Comune ha fatto un bilancio che vede 44 famiglie interessate dai contagi per Covid: «Dei quali, 3 cittadini risultati positivi e sintomatici facenti parte di un nucleo familiare già coinvolto da un caso di contagio, 2 coniugi risultati positivi dopo le previste attività di profilassi necessarie a seguito di contatti diretti con casi positivi al di fuori del nostro comune e due ulteriori nostri concittadini appartenenti a diversi nuclei familiari ed interessati, anch’essi, da contatti stretti avuti con casi di contagio al di fuori del nostro comune.

Tutte le persone coinvolte si trovano presso la propria abitazione, con lievi sintomi, dove osserveranno il necessario periodo di isolamento e cura fino al superamento della positività. Ad oggi sono 74 i positivi nella nostra Città,di questi 42 riconducibili a 12 nuclei familiari e 32 a casi singoli.Sono 13, invece, i contagi rilevati a seguito delle relative attività di profilassi dovute a contatti stretti con precedenti casi positivi. Sono 44 le famiglie interessate da casi di contagio.Sono 7 i nostri concittadini guariti dal coronavirus. Sono 2 invece i nostri concittadini deceduti a causa del covid – 19».

E a Mercogliano, intanto, come era già avvenuto anche a Contrada, il Comune ha arrivato una procedura per individuare tutti coloro che tra il 30 ottobre ed il sei novembre hanno avuto contatti con due medici di famiglia, i dottori Belardo e De Vito, che proprio nella loro attività professionale in prima linea, hanno contratto il Covid. Una situazione, quella dei contagi, che continua a preoccupare.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares