X
<
>

Tempo di lettura 4 Minuti

Mentre cresce il numero dei guariti, e nei comuni si comincia a tirare un sospiro di sollievo, le notizie di ben sei decessi in un giorno hanno spento ogni cauto entusiasmo. Il virus infatti continua a seminare vittime, soprattutto tra le persone più fragili, gli anziani. La città ospedaliera, come tante sedi istituzionali e pubbliche, era illuminata di rosso, nel giorno dedicato alla condanna di tutte le forme di violenza contro le donne.

Ma la violenza del virus non si è fermata. E mentre è arrivato dall’Asl il dato dei 1250 pazienti che sono guariti in questa seconda ondata, a fronte di 5936 positivi, e i 74.900 tamponi molecolari effettuati in provincia di Avellino, si è anche allungata la lista nera delle persone che ci hanno lasciato. Sono deceduti all’Azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino, cinque pazienti Covid positivi.

Tra i primi, un 87enne di Aiello del Sabato e un 79enne di Avellino. L’87enne è deceduto al Pronto soccorso della Città ospedaliera, dove è stato trasportato nella notte in gravissime condizioni dagli operatori del 118. Il 79enne era ricoverato dal 4 novembre in terapia subintensiva nell’Unità operativa di medicina d’Urgenza. Nel pomeriggio purtroppo sono arrivate altre due pessime notizie.

Sempre al Moscati sono deceduti un 87enne di Montemiletto e una novantenne di Montella. L’uomo era stato trasportato al pronto soccorso della Città ospedaliera il tre novembre; ricoverato nell’Unità operativa di malattie infettive, il 21 era stato trasferito al plesso ospedaliero Landolfi di Solofra. L’anziana era ricoverata dal 19 novembre in Terapia subintensiva al Covid Hospital. Il bollettino nero non sarebbe finito qui. In serata, la notizia della sesta vittima. Poco prima delle venti è morta una 87enne domiciliata a Nusco. La donna, anche lei positiva al virus, era stata trasportata al città ospedaliera il 28 ottobre. Ricoverata in terapia subintensiva nell’Unità operativa di Medicina d’urgenza, il 31 ottobre era stata trasferita nell’area Covid del Landolfi.

La mattinata di ieri il primo decesso è stato notificato dall’ Asl di Avellino. All’ospedale Frangipane, in Terapia intensiva, è infatti deceduto un 98enne di Casal di Principe. Nello stesso ospedale risultano ricoverati tre pazienti su sette posti letto in terapia intensiva, dodici su dodici posti letto in Medicina Covid, ventisei in Area Covid di cui sedici, su sedici posti letto, in Medicina e dieci su dieci posti letti in Subintensiva. Il fronte dei contagi consegna una mappa diversa rispetto ai giorni precedenti, ma il raffronto è da fare sul numero di tamponi, molto basso rispetto al solito.

Su 660 tamponi analizzati, sono risultate positive 61 persone: – 4 residenti nel comune di Aiello del Sabato; 1 ad Altavilla Irpina; 3 ad Ariano Irpino; 3 ad Atripalda; 10 ad Avellino; 3 a Cervinara;4aFontanarosa;1aLauro; 4 a Mercogliano; 2 a Montaguto; 3 a Montoro; 2 a Moschiano; 1 a Mugnano del Cardinale; 1 a Nusco; 3 a Ospedaletto d’Alpinolo; 1aParolise; 1 a Prata Principato Ultra; 2 a Pratola Serra; 2 a San Martino Valle Caudina; 1 a Santo Stefano del Sole; 1 a Serino; 5 a Solofra; 1 a Summonte; 1 a Trevico; 1 a Vallata.

Sul piano più generale, tornando all’andamento dei contagi, ci sono diversi comuni, vediamo Volturara nel box in basso che ha raggiunto livelli sanitari che la stanno portando ormai fuori dalla soglia di alto rischio, e Cervinara, dove arrivano notizie positive, tra le ultime, l’esito negativo di tutti i 157 tamponi agli alunni, ai familiari, ai docenti e al personale Ata dell’infanzia e della prima classe della primaria dell’istituto Omnicomprensivo. Si contano i guariti ad Atripalda: rispetto ai 206 positivi, 38 sono negativizzati, una persona è deceduta, 167 gli attuali positivi. Il sindaco di Baiano Enrico Montanaro consegna la fotografia del suo comune: «A fronte di 158 positivi registriamo a Baiano circa 95 guariti. Questo ci fa guardare con una maggiore serenità al futuro anche se non va abbassata la guardia e bisogna seguire la massima attenzione anche in vista del Natale».

Un altro comune in prima linea nella battaglia contro il Covid è quello di Solofra. Il sindaco Michele Vignola ha comunicato la positività di altri 5 residenti, e ha fatto il punto sui contagi: «Ad oggi sono 98 i positivi nella nostra Città, di questi 61 riconducibili a 23 nuclei familiari e 37 a casi singoli. Sono 29, invece, i contagi rilevati a seguito delle relative attività di profilassi dovute a contatti stretti con precedenti casi positivi. Sono 60 le famiglie interessate da casi di contagio.Sono 33 nostri concittadini guariti dal coronavirus. Sono 3 invece i nostri concittadini deceduti a causa del covid- 19».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares