X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

Il virus continua a circolare ed uccidere e dopo il «focolaio » di San Martino Valle Caudina, anche a Montella scatta l’incubo di un «cluster », tanto che il primo cittadino Rizieri Buonpane chiude il Comune per una sanificazione dopo aver accertato ben dodici casi positivi. Intanto la lista di morte, quella che continua a registrare decessi di anziani ricoverati nelle strutture ospedaliere.

L’ultimo in ordine di tempo quello registrato ieri mattina nella terapia intensiva del Moscati Si tratta di un 75enne di Montemarano, ricoverato dallo scorso 2 gennaio in terapia subintensiva, prima del trasferimento il 7 gennaio in terapia intensiva dove il suo cuore ieri ha smesso di battere. Nella serata di lunedì all’ospedale di Ariano è deceduto un 84enne di Flumeri, ricoverato in Terapia Intensiva.

Sono tre le vittime dall’inizio della settimana, lunedì mattina era deceduta una paziente 95enne residente ad Avellino, degente nel Covid Hospital del Moscat dal 22 gennaio. Il bilancio dei decessi per Covid nella seconda ondata si fa sempre più grave. Da marzo in Irpinia sono 214 le vittime della pandemia. Quasi 150 solo nella seconda ondata. E il contagio non accenna a dimunuire, nonostante il numero ridotti di tamponi eseguiti nel fine settimana.

Dall’ultimo bollettino dell’Asl infatti sono stati riscontrati positivi al coronavirus in Irpinia ventotto persone su 311 tamponi analizzati nei laboratori abilitati. Nel dettaglio, riguardano persone residenti: 5 ad Avella; 1 a Baiano; 3 a Lauro; 1 a Marzano di Nola; 1 a Monteforte Irpino; 3 a Pago Vallo Lauro; 1 a Pietradefusi; 13 a San Martino Valle Caudina. A San Martino Valle Caudina, dopo lo screening di domenica al Palazzetto dello Sport di Cervinara, è arrivato nel pomeriggio di ieri l’esito sui 139 tamponi processati.

Quello comunicato dal sindaco Pasquale Pisano in una nota: « In questo momento l’asl di Avellino ha comunicato i dati ufficiali dello screening di domenica 24 gennaio. Su circa 140 tamponi molecolari effettuati, sono risultati positivi 13 nostri concittadini, ai quali va un augurio di pronta guarigione. Ad oggi, nella nostra comunità ci sono 48 contagiati ed abbiamo assunto la decisione di tenere chiuse le scuole fino a sabato 30 gennaio.

Stiamo vivendo un momento difficile che richiede la collaborazione di tutti. L’invito è a limitare i contatti allo stretto necessario e ad evitare assembramenti, anche nelle abitazioni private». I numeri continuano a salire anche nei Comuni del Vallo Lauro Baianese, 5 dei quali solo ad Avella. E c’è un altro sindaco che, dopo un’indagine con test di laboratori privati ha deciso di adottare provvedimenti d’urgenza.

Si tratta del primo cittadino di Montella Buonopanem che ha lanciato un appello ai suoi concittadini, preoccupato dalla recrudescenza dei contagi, evidenziando che al termine «della attività di indagine epidemiologica avviata in maniera diffusa a partire dalla giornata di ieri, anche attraverso la collaborazione di uno centro privato accreditato, abbiamo ad oggi accertato altri 12 casi positivi. Lo screening continuerà nella giornata di domani e riguarderà le persone che negli ultimi giorni hanno avuto contatti diretti con chi è già risultato positivo.

Una indagine che prescinde dalle attività già programmate dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Avellino attraverso il sistema drive in di San Francesco a Folloni. La complessa situazione accertata, da considerarsi in continua evoluzione, mi ha indotto ad adottare apposita ordinanza con la quale ho disposto la chiusura e la sanificazione degli uffici comunali, a partire da domani mercoledì 27 gennaio e fino a giovedì 28 gennaio 2021.

Ci troviamo difronte ad una situazione emergenziale senza precedenti per il nostro territorio che, purtroppo, avvalorano le decisioni che avevo già assunto nei giorni scorsi, in ordine alla sospensione delle attività didattiche in presenza». Anche a Montella si sta facendo di tutto per scongiurare l’incubo di un focolaio.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA