X
<
>

Condividi:

AVELLINO- I contagi schizzano di nuovo sopra quota cento. Un’altalena che dipende anche direttamente dal numero dei tamponi eseguiti e processati nelle ultime ore, quasi il il triplo da qualche giorno. Il virus non si ferma e crescono i casi. Nel bollettino diffuso ieri sono 111nuovi casi nelle ultime 24 ore. Un numero che si riferisce però ad una percentuale su 1.255tamponi esaminati.

Nel dettaglio l’infezione continua ad essere registrata tra le persone residenti in trentasette comuni della provincia di Avellino: 3 ad Aiello del Sabato; 1 ad Altavilla Irpina; 4 ad Atripalda; 5 ad Avella; 8 ad Avellino; 1 a Candida; 2 a Capriglia Irpina; 2 a Cervinara; 2 a Contrada; 4 a Forino; 1 a Gesualdo; 7 a Grottaminarda; 1 a Lauro; 1 a Lioni; 5 a Manocalzati; 3 a Marzano di Nola; 4 a Mercogliano; 3 a Mirabella Eclano; 1 a Monteforte Irpino; 1 a Montemiletto; 10 a Montoro; 5 a Mugnano del Cardinale; 1 a Pratola Serra; 3 a Quadrelle; 2 a Rotondi; 1 a Salza Irpina; 2 a San Martino Valle Caudina; 1 a San Michele di Serino; 1 a San Potito Ultra; 8 a Santa Lucia di Serino; 8 a Serino; 1 a Sirignano; 2 a Solofra; 3 a Sperone; 1 a Summonte; 2 a Torre Le Nocelle; 1 a Villanova del Battista.

La situazione più critica resta quella nell’area serinese. A partire dalla zona «focolaio» di Serino, dove ieri si è registrata l’ennesima vittima (vedi boxe al centro ndr) e dove il contagio ha raggiunto ormai quota 180 positivi in poche settimane. Proprio nella zona serinese si attende che arrivi lo screening di massa sollecitato dai sindaci dell’area. Quello che si auspicava potesse arrivare appena dopo Pasqua ma di cui non si hanno ancora notizie certe.

Lo stesso sindaco di Santa Lucia di Serino, Ottaviano Vistocco, ha rappresentato come ci siano state anche ulteriori sollecitazioni all’Asl da parte delle amministrazioni comunali. «Attendiamo che ci sia il via libera da parte del Dipartimento dell’Asl-spiega Visrtocco- così come ci è stato comunicato dall’unità di Crisi».

E ancora sotto pressione anche la rete ospedaliera. Nelle aree Covid dell’Azienda ospedaliera Moscati risultano ricoverati 83 pazienti: 9 in terapia intensiva, 30 nelle aree verde e gialla del Covid Hospital, 7 nell’Unità operativa di Medicina d’Urgenza, 13 nell’Unità operativa di Malattie Infettive, 9 nell’Unità operativa di Geriatria e 15 nel plesso ospedaliero di Solofra.

Trentotto i ricoveri al Frangipane: 6 pazienti (su 7 posti letto) in Terapia Intensiva; 22 pazienti in Area Covid, di cui 12 (su 16 posti letto) in Medicina e 10 (su 10 posti letto) in Sub Intensiva. 12 (su 12 posti letto) in Medicina COVID.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA