X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

AVELLINO- Regge l’effetto green pass sulla somministrazione delle prime dosi in Irpinia. Il numero di persone che dal 15 ottobre, il giorno in cui è diventata obbligatoria la certificazione verde sia per i lavoratori che per accedere presso enti e strutture, in provincia di Avellino è giunto a quota 1536, considerando un range che va dalla data di avvio dell’obbligatorietà del greenpass a quella di ieri (escludendo il 17 ottobre, data in cui i centri vaccinali sono rimasti chiusi ndr).

Una campagna di immunizzazione che procede spedita, dunque ed è trascinata anche dall’avvio delle somministrazioni della terza dose, quella addizionale e la cosiddetta dose booster. Anche qui, considerando che per essere sottoposti al vaccino bisogna attendere che siano rascorsi sei mesi dalla seconda dose, i numeri sono abbastanza alti. Quasi novemila le terze dosi già somministrate.

Una campagna vaccinale che procede, anche in Irpinia, con un trend in crescita soprattutto per le prime dosi. Intanto, questa mattina i Centri Vaccinali dell’Asl di Avellino, oltre a garantire la somministrazione delle seconde dosi secondo calendario, saranno aperti dalle 8.00 alle 14.00 a tutti i cittadini, a partire dai 12 anni, senza prenotazione, per la somministrazione della prima dose di vaccino e per la terza “dose addizionale” per i soggetti trapiantanti e immunicompromessi e la terza “dose booster” per il personale sanitario e non delle Strutture Accreditate, gli iscritti all’Ordine degli Infermieri, le professioni sanitarie e i veterinari.

L’accesso avverrà in modalità open-day, nelle fasce orarie indicate. Come più volte ribadito anche dalla stessa Asl: «Il personale dei punti vaccinali è autorizzato a chiedere l’esibizione del tesserino di iscrizione all’ordine ai fini della regolamentazione degli accessi. Domani sarà possibile accedere alla somministrazione della “dose booster” per il personale sanitario e non delle Strutture Accreditate e per gli informatori scientifici. Si ricorda che la dose booster può essere somministrata ad almeno 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale ».

Oggi attivi i i Centri Vaccinali di Atripalda, Ariano Irpino (Vita), Avellino (Paladelmauro), Bisaccia, Cervinara, Grottaminarda, Mercogliano, Montella, Mugnano del Cardinale, Solofra Domani saranno attivi i Centri Vaccinali di Altavilla Irpina, Ariano Irpino (Vita), Atripalda, Avellino (Paladelmauro), Bisaccia, Cervinara, Grottaminarda, Montella, Monteforte Irpino, Moschiano, Mugnano del Cardinale, Solofra. Nella giornata del 20 ottobre invece, sono state somministrate 1337 dosi di vaccino nei centri irpini, tra cui spiccano le 284 presso il Centro Vaccinale di Avellino , 159 presso il Centro Vaccinale di Mugnano del Cardinale e le 157 terze dosi che sono state somministrate presso Residenze sanitarie.

Nella giornata di domani e anche lunedì sarà riattivato in modalità open day anche il centro vaccinale di Montoro.In Italia, tra gli over 60, nel mese di settembre si sono registrati 1800 ricoveri per Covid tra i non vaccinati e lo stesso numero, 1800, tra i non vaccinati. Ma se nel primo caso il rapporto è di 1.800 su 1,7 milioni, tra i vaccinati è di 1.800 su 15 milioni. Quindi, in proporzione, i vaccinati rischiano 9 volte meno.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA