X
<
>

Condividi:

Il virus continua a correre e nel giro di pochi giorni fa anche una nuova vittima. Intanto a Cervinara restano le restrizioni e il vero e proprio lockdown che di fatto da fine ottobre è scattato nella cittadina caudina.

LA VITTIMA
Una giornata già segnata dai contagi è stata anche chiusa con una notizia terribile. Il decesso di un novantenne di Flumeri. L’anziano era vaccinato ed è deceduto nel omeriggio, nella terapia subintensiva dell’Unità operativa Covid di Malattie Infettive dell’Azienda Moscati. Era stato ricoverato dal 5 novembre scorso già in gravi condizioni. E’ la seconda vittima in pochi giorni. Il 3 novembre era deceduta nello stesso reparto Suor Riccarda, che per le complicazioni era stata ricoverata il 24 ottobre scorso al Moscati, la religiosa dell’istituto delle Suore Piccole Operaie dei Sacri Cuori di Corso Europa non era vaccinata.

CERVINARA
Sono saliti a 100 i positivi nel comune della Valle Caudina. Venti sono bambini tutti in una fascia di età non vaccinabile. Dieci sono adulti che non hanno fatto il vaccino. Una relazione dell’Asl sulla delicatezza della fase che sta vivendo a livello epidemiologico il comune caudino, ha fatto scattare la proroga di tutte le misure restrittive adottate nei giorni scorsi. Il sindaco Caterina Lengua in un videomessaggio ha invitato alla fiducia e stando alle previsioni l’ondata e i contagi dovrebbero attenuarsi già a partire dal prossimo fine settimana. «Stiamo da giorni affrontando la quarta ondata- ha spiegato il sindaco di Cervinara- della pandemia, al pari di tante altre realtà, sia locali che nazionali. Anche oggi stiamo facendo i conti con un aumento dei casi dicontagio che sta interessando diversi nuclei familiari. E’ quanto emerge chiaramente dalla relazione che l’Asl di Avellino ha provveduto poco fa a trasmettere. Il persistere di una situazione epidemiologica ancora delicata impone, quindi, di continuare ad adottare misure di contrasto e contenimento del rischio di diffusione del virus che, nostro malgrado, richiedono sacrifici da parte tutti. In tale ottica, raccogliendo la sollecitazione dell’Asl a confermare le misure già predisposte dal comune, dopo un confronto con la Dirigente Scolastica, con ordinanza sindacale, adottata in data odierna, è stata disposta la sospensione delle attività didattiche in presenza di tutte le scuole, di ogni ordine sino al giorno 15 novembr»e.E ga aggiunto: «Con la stessa ordinanza è stato, altresì, disposto il divieto di stazionamento nelle piazze comunali ed il divieto di assembramento nei luoghi aperti al pubblico nei giorni di venerdì 12 , sabato 13 e domenica 14 novembre oltre che la sospensione del mercato settimanale per il giorno 10 novembre, chiusura del cimitero e della villa comunale sino al 15 novembre salvo ulteriori modifiche o comunicazioni da parte del dipartimento di prevenzione su ogni significativa evoluzione del quadro epidemiologico che richiedesse la rivisitazione delle adottate misure di prevenzione».

I CONTAGI
Sono 32 i casi trovati su 264 tamponi processati dall’Asl e in laboratori e farmacie della provincia . I nuovi casi riguardano: 1 residente ad Avellino; 3 a Bisaccia; 14 a Cervinara; 1 a Fontanarosa; 1 a Gesualdo; 2 a Mercogliano; 1 a Monteforte Irpino; 1 a Montoro; 1 a Mugnano del Cardinale; 2 a Rotondi; 1 a San Martino Valle Caudina; 3 a Solofra; 1 a Sperone. Il virus avanza in Valle Caudina, nel Baianese e nel Solofrano Montorese. Supetata quota duecento contagi in dieci giorni. Tregua ad Ariano Irpino, dove sono 18 i nuovi positivi trovati in 6 giorni. Tra questi c’è anche l’ex Ministro Ortensio Zecchino. Nella città di Avellino il numero dei positivi ha raggiunto quota 24. Superati i venti contagi anche a Solofra. L’avanzata del Covid e l’incubo della quarta ondata prende più forma.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA