X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

AVELLINO- Dopo mesi di polemiche, Germana Di Falco annuncia definitivamente le dimissioni dal ruolo di assessore esterno a Politiche Europee, Marketing territoriale, Progetti Nazionali ed Internazionali e allo Sviluppo economico, rivendicando però gli obiettivi raggiunti in un anno di lavoro nella giunta del sindaco Gianluca Festa, seppur “a distanza”.


Nella videoconferenza stampa tenuta dalla stanza del sindaco Festa, la Di Falco lo dice in premessa: “I miei impegni professionali a Bruxelles mi hanno tenuta spesso lontana da Avellino, ma non per questo non ho lavorato con dedizione riuscendo ad allargare la prospettiva europea della città. Tuttavia- aggiunge- un nuovo incarico ricevuto sempre al Parlamento europeo (Agenzia della Coesione Territoriale), mi impedisce di concentrami ulteriormente sul lavoro per Avellino, e comunque non riuscirei a garantire quell’impegno di prossimità fisica all’altezza del mio desiderio”.

Una risposta in piccata alle opposizioni di Palazzo di città che da tempo puntavano il dito contro l’assessore per la sua continua assenza nelle stanze di Palazzo di città, ma anche nelle numerose giunte che pure negli ultimi tempi si sono svolte con la modalità “da remoto” il lungo dei protocolli di sicurezza anti-covid. “Voglio ricordare a quei consiglieri che hanno urlato contro la mia persona ai limiti della scorrettezza che non ho mai percepito 2400 euro al mese a carico degli avellinesi, né ho mai percepito un rimborso spese- ribatte l’ormai ex assessore- Esistono 16 delibere di giunta proposte dalla sottoscritta, esistono quasi 10 milioni di euro già attivati e trasferiti ai beneficiari finali, e non mi riferisco soltanto ai fondi inseriti nei Pics- Ulteriori dieci milioni si potrebbero presto sommare al tesoretto già arrivato nelle casse del Comune di Avellino, sulla scorta di una filiera di progetti che sono stati presentanti nei canali finanziari regionali ed europei, ora in attesa di valutazione”.


Quindi la Di Falco passa ad elencare l’attività amministrativa svolta “Siamo l’unica città della Campania che è riuscita a riusciti a definire e programmare le economie a favore dell’emergenza Covid. Abbiamo accelerato il dialogo con la Regione Campania per i PICS. Siamo l’unica città a cui non sono stati stralciati i progetti per il commercio e per le imprese. Abbiamo ottenuto il Fondo Innovazione Sociale, un progetto che sarà confermato negli anni a cui sono state ammesse solo 21 città in Italia. Avellino ha ottenuto visibilità e risonanza entrando in circuiti internazionali. Abbiamo creato un dialogo con Ferrovie dello Stato che si traduce in un percorso convergente di investimenti che gode di tante risorse del Recovery Fund e FSI che guarderanno ad Avellino. Ho sempre ritenuto che il problema vero per lo sviluppo delle città sia quello di garantire le accessibilità e la fluidità dei talenti e delle persone”.


A ringraziare Di Falco per il lavoro svolto, interviene anche il sindaco Festa: “Accetta con rammarico l sua decisione. Grazie alle competenze di Germana, siamo riusciti ad entrare in una prospettiva europea, e finalmente la città interloquisce con capitali europee, ed ha instaurato una rete di relazioni che ci ha consentito di presentare progetti con partenariati di prestigio”. Rispetto alla nomina del sostituto di Di Falco, il sindaco dice di stare già al lavoro per riempire la casella, ma invita “a non fare totonomi”, perchè lo comunicherà nei prossimi giorni a decisione definitiva.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares