X

Tempo di lettura 3 Minuti

AVELLINO- I referenti della componente “Area Dem” del Partito democratico, riconducibile all’ex senatore Enzo De Luca, avviano gli incontri nel territorio irpino per lanciare la candidatura al Consiglio regionale di Michelangelo Ciarcia.
La prima tappa a Solofra, per parlare di sviluppo sostenibile, economia e legalità, nell’attesa che i vertici dem sciolgano il nodo delle candidatura, che in questa fase vedrebbe una contrapposizione tra lo stesso Ciarcia e Livio Petitto.


Il Presidente dell’Alto calore, ribadendo che non ha intenzione di lasciare la carica nonostante venga invocato da più parti per una presenta incompatibilità, si dice certo che “Il Commissario del Pd Aldo Cennamo punterà sulla mia persona per le motivazioni che abbiamo già spiegato in passato. Non si può essere allo stesso tempo esponenti del Pd e decidere di appoggiare un’altra parte politica- le bordate a Petitto- La mia storia politica dice che sono stato sempre del Pd, ho sempre svolto il ruolo del soldato, mi sono sempre prestato agli interessi generali del partito. Da questo punto di vista non ho nulla da temere. Certo, se il partito dovesse prendere una decisione diversa non mi farebbe piacere ma resterei sicuramente all’interno del partito, non cercherei certamente collocazione altrove magari in cerca di una vendetta”. Il Presidente dell’Alto Calore non ha peli sulla lingua: “In questi anni abbiamo registrato posizioni avverse al Pd, con un voto contro il partito da parte di alcuni esponenti politici che hanno nome e cognome. Si è votato più volte contro il Partito Democratico, sia al Comune Capoluogo che alla Provincia. Ci si è schierati contro questo simbolo, ci si è inventati il civismo. E oggi si rivendica l’appartenenza al Partito Democratico? Mi chiedo come si possa fare”.


Il senatore De Luca, sulla scorta dei moltissimi potenziali candidati, invoca il processo di partecipazione democratica per riaffermare i principi su cui il segretario nazionale, Nicola Zingaretti, sta costruendo il percorso di rifondazione di rigenerazione del Pd. Principi che trovano sintesi in poche parole: appartenenza, coerenza, responsabilità. Principi che questa componente ha sempre esercitato voltando le spalle alla convenienza contingente”. De Luca, poi, sposta l’asticella dell’attenzione sul programma: “Sono convinto che attorno alle risorse che verranno dall’Europa, ci sia la necessità di un contributo da parte dei territori. Ho sollecitato e continuo a sollecitare per aprire una discussione con i maggiori referenti della Regione, in ragione del fatto che in questi cinque anni il Governo Regionale ha messo in campo un enorme sforzo sul piano legislativo e della programmazione, con due leggi di assoluta avanguardia che rappresentano per l’Irpinia una straordinaria opportunità, quelle sul ciclo integrato dei rifiuti e delle acque”.


Ad accogliere con entusiasmo i referenti di Area Dem, il sindaco di Solofra, Michele Vignola: “Mi fa piacere che si sia deciso di avviare proprio qui il percorso che ci porta alle elezioni regionali . E fa ancora più piacere apprendere che proprio da qui si parli di questioni ambientali. Affrontare questo argomento e parlare di economia circolare è fondamentale. In realtà cerchiamo di dimostrare che l’industria della concia di Solofra è un’eccellenza. La Regione deve investire per un distretto cruciale per l’economia della Campania. Gli imprenditori continueranno a fare la propria parte, ma il pubblico deve a sua volta fare la sua”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares