X
<
>

Tempo di lettura 4 Minuti

Rosetta D’Amelio, presidente uscente del consiglio regionale si è recata ai seggi nella mattinata di ieri: “Votare è un diritto e un dovere. Io ho votato presso il seggio elettorale di Lioni. Grazie a tutti i volontari, i presidenti di seggio, gli scrutatori, i vigili urbani e le forze dell’ordine che stanno assicurando lo svolgimento delle operazioni di voto nel rispetto delle norme anti-covid”.


Maurizio Petracca, ex consigliere regionale, già presidente della commissione fondi per lo sviluppo e per l’agricoltura, ha votato e postato un appello al voto: “Votare è sempre un bellissimo esercizio democratico! Fatelo anche voi”. Lo stesso ha fatto il senatore della Lega, Ugo Grassi: “Votare è un diritto. Votare è un dovere. (Anche perché se non votiamo di fatto stiamo facendo decidere qualcun altro per noi)”.


Giovanniantonio Puopolo, candidato di Forza Italia: “Ha votato ad Ariano: Di buon mattino mi sono recato a votare. Nel seggio ho trovato una buona organizzazione nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Quindi andate anche voi a votare con serenità. Esercitate questo vostro diritto/ dovere che rappresenta l’unico modo per dare una svolta alla crescita della nostra Irpinia”.


Alessia Castiglione candidata di Fratelli d’Italia commenta: “Ho votato. È stato bellissimo Libera. Forte Coraggiosa L’Irpinia che vogliamo Grazie per l’affetto che mi state dimostrando in queste ore. Vi voglio bene”. E ancora, Livio Petitto, candidato di Davvero- Partito animalista che ringrazia le forze dell’ordine: “Permettetemi di dedicare un pensiero alle Forze dell’ordine e a tutte le donne e gli uomini impegnati nei seggi. Nonostante il pericolo Covid siamo riusciti, grazie a loro, a esprimere il più nobile gesto del nostro ordinamento democratico”.


Alfredo Galdieri candidato di Terra fa l’ennesimo appello al voto: “Votare è partecipazione, la partecipazione è libertà. È importante andare a votare esprimendo un voto consapevole, un voto libero. Il voto è lo strumento più importante per esprimere la democrazia. Il voto è l’arma più importante che possediamo per il cambiamento. ‘La rivoluzione si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano. Quella matita più forte di qualsiasi arma, più pericolosa di una lupara e più affilata di un coltello’.


E ancora il consigliere di opposizione Luca Cipriano: “Votare è necessario. Le conseguenze delle nostre scelte, o ancor peggio delle mancate scelte, durano anni, toccano le nostre vite. Lamentarsi dopo è del tutto inutile. In sicurezza, con prudenza, ma votare oggi e domani è necessario”.


Intanto le misure anti covid sembrano reggere. Alla fine i presidenti e gli scrutatori che mancavano si sono trovati. Sabato su 501 sezioni (di cui 72 nella città capoluogo) avevano rinunciato all’incarico 10 presidenti (uno ad Avellino città) e 78 scrutatori. Il Mascherina, guanti e gel igienizzante e distanza dentro i seggi, volontari della Protezione civile fuori dalle sedi per evitare assembramenti e dare la precedenza ai soggetti deboli, come anziani e donne incinte.


Ingenti i quantitativi di dispositivi di protezione individuale distribuiti per tutelare adeguatamente i cittadini che si recano al voto, i componenti del seggio elettorale e gli operatori coinvolti: 15,1 milioni di mascherine chirurgiche, 3,4 milioni di guanti e 315.000 litri di gel igienizzante.


Le misure anti-contagio sono state varate con un apposito decreto e precisate in un protocollo sanitario e di sicurezza tra i ministri di Interno e Salute. Previsti percorsi distinti di ingresso ed uscita negli edifici sede di voto, chiaramente identificati con segnaletica, in modo da prevenire il rischio che chi esce e chi entra vengano a contatto.


Gli elettori sono invitati ad evitare di recarsi a votare “in caso di sintomatologia respiratoria” e febbre superiore a 37,5 gradi. Per accedere ai seggi è obbligatorio l’uso della mascherina da parte di tutti gli elettori e di chiunque acceda (ad esempio rappresentanti di lista).


Al momento di entrare l’elettore dovrà procedere all’igienizzazione delle mani con gel idroalcolico messo a disposizione in prossimità della porta. Dopo essersi avvicinato ai componenti del seggio per l’identificazione e prima di ricevere la scheda e la matita, si dovrà nuovamente igienizzare le mani.


Completate le operazioni di voto è consigliata un’ulteriore detersione delle mani prima di lasciare il seggio. Quanto ai componenti dei seggi, durante la permanenza nel seggio, devono indossare la mascherina chirurgica, mantenere sempre la distanza di un metro, dagli altri componenti e igienizzarsi frequentemente le mani.


L’uso dei guanti è consigliato solo per le operazioni di spoglio delle schede. Il presidente di seggio deve comunque utilizzare i guanti al momento dell’inserimento della scheda nell’urna. Tra i componenti di seggio e tra questi ultimi e l’elettore deve essere mantenuta una distanza di non inferiore ad un metro.


Si deve inoltre garantire la distanza di due metri al momento dell’identificazione dell’elettore, quando quest’ultimo sarà chiesto di togliere la mascherina per farsi riconoscere. Per i Referendum, le Regioni e le Comunali la novità è che sarà lo stesso elettore ad inserire la scheda nell’urna, mentre le per Suppletive rimane fermo l’obbligo di consegnare la scheda, opportunamente piegata, al presidente di seggio (o chi ne fa le veci), che è tenuto a staccare il tagliando antifrode dalla scheda e a collocarla, quindi, nell’urna.


In quest’ultima circostanza il presidente (o chi ne fa le veci) indosserà i guanti per ricevere la scheda votata. Per evitare gli assembramenti nei seggi ci saranno accessi contingentati all’edificio, eventualmente con la creazione di apposite aree di attesa all’esterno. In proposito, il Viminale ha inviato una circolare ai sindaci per sensibilizzare i sindaci ad approntare misure per tutelare gli anziani ed i soggetti fragili.


Volontari di protezione civile sono pronti a svolgere, se richiesto, un’attività di assistenza agli elettori Previsti infine seggi speciali negli ospedali per consentire il voto a chi è in quarantena per il Covid o ricoverato: sono complessivamente 1.820 gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare o in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid- 19 che hanno chiesto di avvalersi del voto domiciliare, a fronte delle attuali quasi 40 mila persone in quarantena.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares