Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 Minuti

È stato presentato questa mattina nella Sala Stampa di Palazzo di Città il PROGRAMMA della Rassegna “Maggio nei Monumenti”, promosso e curato dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Avellino di concerto con l’Ufficio Beni Culturali della Diocesi.

Per un mese si accendono in città i riflettori sul patrimonio storico e artistico cittadino, con mostre, concerti, convegni ed aperture straordinarie di luoghi simbolo di Avellino.

 Ad illustrare il programma della manifestazione il Sindaco Paolo Foti, l’Assessore alle Politiche Culturali Bruno Gambardella, l’Amministratore Diocesano p.t. Mons. Vincenzo De Stefano, lo storico dell’arte e responsabile del Museo Civico di Villa Amendola Alberto Iandoli e il Direttore dell’Ufficio Beni Culturali della Diocesi arch. Modestino Picariello.

“È ferma volontà di questa Amministrazione favorire la riscoperta del nostro patrimonio storico, artistico e culturale – ha dichiarato il Sindaco Foti – dare infatti ai cittadini e ai turisti la possibilità di visitare i nostri monumenti e le nostre chiese è fondamentale. Mi auguro pertanto che a questa seconda edizione del Maggio nei Monumenti ne possano seguire altre e che questa sinergia con la Curia e con le altre associazioni possa svilupparsi nel tempo, per riscoprire quelle che sono le cose belle e positive della nostra città”.

 Soddisfazione per la riproposizione della rassegna è stata espressa anche dall’Amministratore Diocesano p.t. Mons. Vincenzo De Stefano. “Sono lieto di partecipare a questa conferenza stampa di presentazione della seconda edizione del Maggio nei Monumenti dopo la bella esperienza dello scorso anno che è stata certamente una novità – ha affermato Mons. De Stefano – la Diocesi è aperta anche al fine di fare conoscere i tesori, quindi tutte le chiese e il nostro imenso patrimonio artistico”.

 “Sono più che soddisfatto per quello che siamo riusciti a mettere in piedi per questa seconda edizione della Rassegna del Maggio nei Monumenti – ha commentato l’Assessore alle politiche culturali Bruno Gambardella – un grazie di cuore per l’impegno profuso nell’elaborazione del ricco programma lo devo al dott. Alberto Iandoli, responsabile del nostro Museo Civico di Villa Amendola e all’arch. Modestino Picariello, direttore dell’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Avellino”.

 Per un mese infatti i riflettori saranno puntati sul patrimonio storico-artistico di cui è ricca la città di Avellino. Riflettori che avranno in questo mese dei watt più potenti, nel senso che il programma elaborato dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune e dall’Ufficio Beni Culturali della Diocesi ha come fine principale quello di gettare maggiore luce su ciò che di prezioso vi è ad Avellino nel campo dei Beni Culturali. L’apertura al pubblico della Cripta del Duomo, della Chiesa di San Biagio, della Cappella del Tesoro di San Modestino o della quadreria della Chiesa di San Francesco Saverio sono luoghi di particolare interesse storico-artistico che per l’occasione ospiteranno anche dei concerti di musica classica.

 

“Posso assicurarvi – ha aggiunto l’assessore Bruno Gambardella – che il nostro impegno in fatto di promozione e valorizzazione del territorio non si esaurirà con il Maggio nei Monumenti. Colgo l’occasione per ringraziare gli storici Andrea Massaro, Armando Montefusco e Geppino Del Sorbo, studiosi attenti di fatti e accadimenti di storia locale che con la loro generosa adesione, gratuita, hanno notevolmente impreziosito la rassegna, curando degli incontri che si terranno nel nostro Museo Civico di Villa Amendola, dove saranno proiettati, tra l’altro,  dei documentari di storia locale, e dove  sarà possibile visitare l’esposizione museale permanente in orari prolungati  rispetto a quelli ordinari. Ma Villa Amendola sarà anche la location della presentazione, in anteprima nazionale, del prezioso volume di Toni Iermano dedicato a Francesco De Sanctis nel bicentenario della nascita”. Tutto questo, ed altro ancora, sarà il Maggio nei  Monumenti.  A questo punto – ha concluso l’Assessore Gambardella – non mi resta che invitare tutta la cittadinanza a seguire il ricco programma del maggio avellinese”.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •