Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto

E’ partita sulla piattaforma Eppela e terminerà il 4 agosto, la campagna di crowdfunding, di 20mila euro, per la quarta edizione di Sponz Fest  (22-28 agosto in alta Iripinia), il festival, nato da un’idea di Vinicio Capossela.
“In tre anni non abbiamo mai smesso di gioire, sponzarci, alzar polvere, come era negli auspici del direttore artistico, Vinicio Capossela– raccontano i promotori del progetto- l’abbiamo fatto inzuppandoci nella cultura del territorio, ne abbiamo scoperto i miti, le leggende, i luoghi spesso sacrificati o, ancor peggio, feriti e inquinati”.  “Siam partiti senza soldi. Siamo oggi senza soldi” continuano gli organizzatori, lanciando un appello a contribuire alla campagna di crowdfunding: “Andiamo cercando storie, musiche, radici e abbiamo bisogno del vostro aiuto, affinché questa ricerca non si interrompa e coinvolga il maggior numero possibile di persone. Voler rimanere senza soldi, non significa voler buttar via i danari che vorrete donarci. Vuol dire spenderli in eventi che sfuggono a qualsiasi logica commerciale, offrendo la possibilità a tutti di godere gratuitamente di istallazioni artistiche, in luoghi recuperati all’ utilizzo della collettività, come vecchie fontane, ponti, sentieri e piazzette”.
Paolo Rumiz, Giuseppe Catozzella, Roberta D’Alessandro, Khaled Alnassiry, Piergiorgio Odifreddi, Arizona Dream, Mario Brunello e naturalmente, Vinicio Capossela, sono alcuni dei tanti ospiti dello Sponz Fest 2016.
Per saperne di più sulla campagna di crowdfunding e sulle ricompense previste: https://www.eppela.com/it/projects/9318-sponz-fest-2016

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •