X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Non ci sono più parole per commentare la stasi, per non dire la “strafottenza”, che si vive all’interno del gruppo consiliare del Partito Democratico di Avellino,
L’ennesimo vertice convocato per questo pomeriggio a via Tagliamento dal capogruppo ad interim Geppino Giacobbe, utile a fare il punto della situazione in vista della discussione in Consiglio sul bilancio, non si è presentato praticamente nessun consigliere.
O meglio solo in tre (Montanile, Amodeo e D’Argenio) che, onore a loro per la partecipazione, ma in termini di numeri sono davvero poca roba. Al netto di Adriana Percopo ed Enza Ambrosone che hanno avuto almeno il garbo di giustificare la loro assenza, degli altri non vi è traccia.

A smuovere il resto della pattuglia dem, non è bastata nemmeno la presenza al vertice dell’assessore al bilancio, il vicesindaco Maria Elena Iaverone, accompagnata dal dirigente comunale del settore finanze, Gianluigi Marotta.

Sullo sfondo la volontà, legittima, del capogruppo ad interim di rimettere il suo incarico, seppur provvisorio, e la delusione dell’assessore Iaverone che si era presentata documenti alla mano riguardati il Consuntivo 2015 e il Previsionale 2016.

La prossima tappa che attende i consiglieri dem è rappresentara dallla riunione convocata per giovedì prossimo (ore 19:00) presso la segreteria provinciale del Partito Democratico, dove il gruppo di maggioranza incontrerà, insieme al sindaco Paolo Foti, l’Ufficio Politico ed il segretario regionale Assunta Tartaglione. Difficile ipotizzare che l’incontro, allo stato delle cose, possa servire a far tornare il sereno.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA