X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

AVELLINO – Dopo un’estate di attesa e un silenzio assordante si ritorna a parlare di Scandone Avellino. La formazione biancoverde, che ufficialmente non ha ancora ufficializzato nessun giocatore per il prossimo campionato di serie B – che prenderà il via ufficialmente il prossimo 15 novembre 2020 – scenderà sul parquet del PaladelMauro alle ore 18:00. E’ in calendario, infatti, la prima gara del girone Q della Supercoppa Centenario di Serie B. I lupi dovranno vedersela contro la Geko Psa Partenope Sant’Antimo che sarà avversaria anche in regular season.


A ranghi ridotti, con soli sei uomini a disposizione coach Gianluca De Gennaro dovrà sfidare il collega Enzo Patrizio. La Scandone ha iniziato gli allenamenti coi vari Valerio Costa, Giampaolo Riccio, Alessandro Marra, Uchenna Ani e Giga Janelidze supportati da una pattuglia di elementi del settore giovanile che completeranno i dieci elementi che verranno iscritti a referto. Questi sei saranno ruotati dallo staff tecnico in attesa che il gruppo possa essere finalmente al completo. Nei prossimi giorni è previsto l’arrivo del capitano Domenico Marzaioli che giocherà in Irpinia per il secondo anno consecutivo.


Avellino non avrà i quaranta minuti di gioco nelle gambe e quella che andrà in scena oggi sarà una sorta di uscita da preseason per i lupi che dovranno sfruttare questa kermesse (che prevede altri due appuntamenti) per iniziare a mettere benzina nelle gambe e prepararsi al meglio per l’inizio del torneo dove si partirà col – 6 in classifica a causa dei lodi non pagati in tempo ad ex tesserati ai tempi della serie A. Ragion per cui la Scandone risulta ancora essere presente tra i club morosi per il Tribunale del Bat. La vicenda Rich, col giocatore e i suoi agenti chiamati a certificare l’avvenuto pagamento di quanto dovuto dai biancoverdi, tiene ancora in stallo la vicenda mercato. E, di fatti, per questo incontro di Supercoppa la Scandone dovrà garantire una polizza assicurativa ad ognuno dei cestisti che scenderà in campo.


Situazione diametralmente diversa in casa Sant’Antimo che è reduce da quaranta giorni di allenamenti. «Abbiamo lavorato tanto e bene e in questo momento siamo carichi e positivi – dice Nikolaj Vangelov al sito ufficiale del club –. Affrontiamo questa prima partita ufficiale con tanta voglia di far bene, questa SuperCoppa può essere considerata una bella vetrina e arrivare fino in fondo sarebbe un gran bel biglietto da visita». Il pivot bulgaro è uno dei volti nuovi in un roster dove gli unici confermati sono Sergio, Milosevic e Carnovali. «Avevo parlato a lungo con il coach prima di scegliere Sant’Antimo, mi aveva spiegato il suo sistema, i suoi obiettivi, e devo dire che sono davvero contento della fiducia che tutti qui stanno ponendo in me. Mi sento coinvolto, protagonista, e questo mi sprona a fare sempre meglio».


La gara, che per la Scandone assumerà il valore di una amichevole, sarà disputata a porte chiuse e sarà arbitrata dai signori i Guarino e Palazzo di Campobasso.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares