Tempo di lettura 2 Minuti

BENEVENTO – Altre tre scosse di magnitudo 3.0,
2.9 e 2.2 si sono verificate dalle 12,35 alle 12,52 in provincia
di Benevento e sono state registrate dalla Rete Sismica
Nazionale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
(Ingv). La prima e la seconda si sono verificate a distanza di
40 secondi l’una dall’altra e hanno avuto come epicentro San
Leucio del Sannio e Ceppaloni. La terza della sequenza è
avvenuta a San Leucio del Sannio. Si sono verificate
rispettivamente alla profondità di 18 chilometri, 8 chilometri,
e 10 chilometri.
“Ho parlato col capo della protezione civile nazionale, Borrelli, e con Giulivi, capo di quella campana. Seguiamo da vicino l’evolversi dello sciame sismico. Ad ora nessun danno. Ho messo in preallarme la protezione civile locale. Capisco il dato emotivo. Intanto, ho fatto chiudere tutti gli uffici di mia pertinenza in modo precauzionale. Riferirò alla popolazione ogni atto che farò d’intesa con le autorità preposte”. Così il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, sul suo profilo facebook, a seguito dello sciame sismico che sta interessando il Sannio. Il primo cittadino ha già disposto, in via precauzionale, la chiusura di scuole e uffici di competenza comunale. Stessa cosa ha fatto il presidente della Provincia, Antonio Di Maria che ha stabilito “che le aree museali ed espositive di proprietà, comprese quelle che in questi giorni ospitano eventi estemporanei (alla Rocca dei Rettori e nel Salone di Formazione in Largo Giosuè Carducci) restino chiuse al pubblico e tutte le iniziative già programmate rinviate fino a nuova disposizione”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •