Salta al contenuto principale

Caserta, ex capo clan Casalesi  "Sandokan" accusato con altri sei affiliati dell'omicidio di un vigile urbano

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

Un'ordinanza di custodia cautelare è stata notificata in carcere al capoclan dei Casalesi Francesco "Sandokan" Schiavone e sei tra killer e partecipanti all'omicidio del vigile urbano Antonio Diana, ucciso nel 1989 a San Cipriano d'Aversa (Caserta).
    Il provvedimento è stato emesso al termine delle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, coordinati dai pm della Dda di Napoli Catello Maresca e Simona Rossi. L'accusa per il boss del clan casertano, detenuto da 20 anni, è di essere stato il mandante del delitto, consumato nell'ambito della guerra che alla fine degli anni '80 contrapponeva il suo gruppo, controllato insieme a Francesco Bidognetti e Vincenzo De Falco, alla famiglia Bardellino.
    Insieme al 64 enne Francesco Schiavone erano già detenuti altri destinatari del provvedimento: i presunti killer del vigile, poi divenuti elementi di spicco del clan, Raffaele Diana, di 63 anni detto "Rafilotto" e Giuseppe Caterino di 62 anni, noto come "Peppinotto".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?