Salta al contenuto principale

Antonio Lo Russo, il boss tifoso ha deciso di pentirsi

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

Dopo un anno e mezzo di carcere duro Antonio Lo Russo, figlio di Salvatore, ex boss dell'omonimo clan di camorra di Napoli, ha deciso di collaborare con la giustizia. Lo riportano organi di stampa. Antonio Lo Russo che ricoprì anche il ruolo di capoclan, potrebbe fornire agli inquirenti della Procura della Repubblica partenopea, importanti informazioni riguardo i traffici illeciti a Secondigliano e sui patrimoni accumulati dal clan soprannominato "dei capitoni". Antonio Lo Russo, accanito tifoso del Napoli, è diventato famoso soprattutto per essere stato fotografato nel 2010 mentre assisteva alla partita di calcio Napoli-Parma, a bordo campo e con tanto di pettorina gialla. L'episodio fece anche scattare una inchiesta sul calcio scommesse che successivamente venne archiviata. Da allora divenne latitante. Antonio Lo Russo è stato arrestato a Nizza, nell'aprile del 2014, dove si era rifugiato per sfuggire alla giustizia italiana.
   

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?