Salta al contenuto principale

Colla all'ingresso di una moschea per il pizzo

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 31 secondi

Aveva preso di mira, per le sue estorsioni, la comunità bengalese di San Gennaro Vesuviano (Napoli), arrivando a incollare l'ingresso del locale adibito a moschea in modo da impedire l'ingresso ai fedeli. Angelo Di Castiglia è finito agli arresti domiciliari con l'accusa di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso: chiedeva agli immigrati una sorta di colletta, minacciandoli e dichiarandosi "il boss di San Gennaro Vesuviano".
    Le denunce presentate da alcuni bengalesi hanno dato origine all'indagine, che oggi ha visto l'esecuzione - da parte ei carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano - della misura cautelare emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?