Salta al contenuto principale

Presunte avance a fedeli e accuse ad altri parroci: rimosso sacerdote in irpinia

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

Inviava dal suo telefonino messaggi hot ed esplicite avances sessuali a uomini sposati che frequentavano la sua parrocchia. Un giovane parroco è stato rimosso dal vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello, ufficialmente "per motivi di salute", a conclusioni di indagini interne della Curia avellinese durate alcuni mesi.

Nei suoi confronti, secondo quanto si apprende, è stato anche avviato l'iter per la sospensione a divinis del giovane sacerdote a cui cinque anni fa venne assegnata la cura di una parrocchia della periferia di Avellino. Al sacerdote sono state contestate, anche attraverso prove, le gravi condotte di cui si era reso protagonista; la decisione fa riferimento anche ad una iniziativa da parte del sacerdote che nei mesi scorsi fece molto scalpore ad Avellino: un volantino anonimo, affisso davanti ad ogni chiesa della città, nel quale venivano denunciati con nome e cognomi parroci e sacerdoti della Diocesi accusati di vivere nel peccato attraverso relazioni con donne sposate.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?