Salta al contenuto principale

Sequestrata villa bunker abusiva nel Casertano: riconducibile a imprenditore dei Casalesi

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 30 secondi

La Direzione investigativa antimafia di Napoli ha sequestrato un fabbricato di 422 metri, totalmente abusivo, con le caratteristiche di una villa bunker, nel centro di Casal di Principe (Caserta). Il valore dell'immobile, che per gli investigatori è totalmente abusivo, è di circa 500mila euro.
    Il bene sottoposto a sequestro, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su proposta dei procuratori della Repubblica di Napoli e Santa Maria Capua Vetere e del direttore della Dia, sarebbe riconducibile a Luigi De Vito, un imprenditore edile, che per gli investigatori era organico al clan dei Casalesi, gruppo Bidognetti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?