Salta al contenuto principale

Allarme caldo e mancano i medici, è emergenza estate

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 57 secondi

Allarme caldo, dalla prossima settimana, in gran parte dell’Italia. Dopo il maltempo, sono infatti in arrivo temperature da record che toccheranno i 40 gradi in molte città. Ma negli ospedali e nei Pronto soccorso dal Nord al Sud la situazione è critica: mancano i medici e le ferie del personale aggraveranno ulteriormente le carenze di organico proprio nel periodo in cui è attesa una maggiore richiesta di interventi ed assistenza. A mettere in guardia circa 'l'emergenza estatè alle porte sono sindacati e società mediche, mentre per sopperire alla carenza di camici bianchi in una regione particolarmente in difficoltà, il Molise, il ministro della Difesa Elisabetta Trenta sta valutando l’invio dei medici militari: «Stiamo esaminando la possibilità di inviare in Molise medici militari per far fronte alla carenza di personale sanitario negli ospedali - ha annunciato - ma al momento non abbiamo ancora trovato una soluzione, stiamo continuando a cercarla».
Dopo il maltempo dei giorni scorsi, i meteorologi annunciano dunque un brusco cambio di rotta: è in arrivo una delle più intense ondate di caldo dell’ultimo decennio in Europa, con punte di 40 gradi anche in Italia al Centro-Nord. L’ultima settimana di giugno si prospetta rovente e dovrebbe raggiungere l'apice tra il 27 e il 29 giugno con picchi di 37-40 gradi in città come Torino, Milano, Bologna, Roma, Sassari.
La prevista impennata delle colonnine di mercurio mette in allerta sindacati e società mediche che denunciano come le attuali carenze di organico si aggraveranno nei prossimi mesi estivi, quando la richiesta di assistenza dei cittadini sarà in aumento soprattutto nei Pronto soccorso. Ad oggi, afferma il segretario del sindacato medico Anaao, Carlo Palermo, «si contano almeno 8-10mila medici in meno rispetto al fabbisogno e questo per effetto del blocco del turn-over dal 2009. Il settore più penalizzato è proprio quello dei Pronto soccorso, dove i medici in meno sono circa 2mila». La sofferenza, sottolinea, «è maggiore al Centro-Sud: in Molise, Sicilia, Calabria, Lazio e Campania, gli ospedali registrano infatti il 30% in meno della dotazione organica rispetto al 2009». E con le ferie estive si avrà un «ulteriore aggravio al quale si sta cercando in alcuni casi di sopperire ricorrendo, ad esempio - rileva - a neo-laureati, medici pensionati o stranieri».  Quanto all’ipotesi della ministra Trenta di inviare medici militari in Molise, «siamo in emergenza e dunque ben venga tale misura se fattibile, ma la soluzione strutturale - conclude - sta nel decreto Calabria appena approvato, che prevede nuove assunzioni anche nelle Regioni in piano di rientro e l’ingresso come assunti pure degli specializzandi agli ultimi anni, circa 7mila». Non solo gli ospedali. Anche i Servizi di emergenza 118 sono «al collasso - denuncia il presidente Sis 118 Mario Balzanelli - L’estate è il periodo in cui le richieste di soccorso aumentano di oltre un terzo, soprattutto nelle zone costiere. Si tratta di salvare delle vite e con questi numeri l'assistenza di emergenza non può essere garantita».
I numeri infatti, spiega Balzanelli, «parlano da soli: a Milano, ad esempio, disponiamo solo di 5 mezzi di soccorso con medico a bordo, tra ambulanze e auto mediche, mentre a Bologna sono solo 2 i mezzi di soccorso con medico». La situazione «è emergenziale un pò in tutta Italia. A Taranto, per due anni - denuncia - abbiamo dovuto sospendere le ferie dei medici del 118 proprio per garantire il servizio». Ora, in vista delle vacanze estive e del prevedibile aumento della richiesta di soccorso, è stato previsto un potenziamento del numero di ambulanze sul territorio. Il problema, però, è che mancano i medici e dunque, conclude il responsabile del Sis 118, «le ambulanze avranno a bordo solo l’autista-soccorritore».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?