Salta al contenuto principale

Bonavitacola sul termovalorizzatore di Acerra: "Chiuderlo non è un'apocalisse"

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

Napoli - La chiusura per manutenzione del termovalorizzatore di Acerra "non è apocalisse, è un evento normale per un impianto industriale che dopo 10 anni ha bisogno di una manutenzione straordinaria". Lo ha detto il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola, intervenendo all’iniziativa della Regione "Campania per l’ambiente".
"Non è vero che c'è un piano regionale di localizzazione di siti di stoccaggio provvisori - ha ribadito Bonavitacola - la Regione non si volta da altre parti, affronta i problemi e non ci sottrarremmo a responsabilità qualora fosse necessario, ma l’extrema ratio viene dopo ratio, la razionalità e il metodo di lavoro. Il metodo proposto è applicare i principi dell’Unione Europea anche a questo tema, cioè il principio di prevenzione e prossimità. Se ciascuno, nell’ambito del proprio territorio, affronta il tema del deposito temporaneo per fronteggiare questo fabbisogno, il fabbisogno complessivo diminuisce"

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?