Salta al contenuto principale

Omicidio Fortuna, nei disegni segnali di violenza

Campania
Chiudi

la piccola fortuna buttata già dal sesto piano

Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 19 secondi

Disegna e cancella con insistenza figure femminili, come fossero una minaccia per lei. Disegna finestre con le sbarre, case senza porte, inaccessibili. E poi disegna case con due porte, che indicano la paura della separazione, il ricatto, la necessità di farle mantenere il segreto. Manifestava così il suo malessere Fortuna Loffredo, la bimba uccisa il 24 giugno del 2014, nel Parco Verde di Caivano (Napoli).

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?