X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Un braccio di ferro infinito: i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Bagnoli e del reggimento Campania hanno effettuato l’ennesimo blitz nel rione Traiano, periferia ovest di Napoli, reprimendo i tentativi di riattivare le “piazze” di spaccio. Per la settima volta sono stati ripristinati i sigilli a sei “bunker” già sottoposti a sequestro perché usati come basi di spaccio nel corso dell’operazione che nel gennaio scorso aveva portato a quasi 100 arresti.
    Smontati e sequestrati due sistemi di videosorveglianza e cancellate di ferro e denunciati 17 pregiudicati. Tra loto due vedette che all’arrivo dei carabinieri avevano cominciato a urlare “Mario”, la parola convenzionale per avvisare i complici della presenza di forze dell’ordine.
    Sequestrate una pistola mitragliatrice Skorpion, tre pistole semiautomatiche con il colpo in canna e un revolver, tutte cariche e pronte all’uso.
   

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA