X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

POZZUOLI (NA) – E’ stato necessario un nuovo intervento dei vigili del fuoco nella centrale Enel di via Fascione a Pozzuoli, dopo l’esplosione avvenuta la notte del 7 maggio scorso. Allarme si è diffuso tra i residenti per una colonna di denso fumo che si diffonde da ore nella zona, alimentata probabilmente dai residui di combustione degli oli.
Sul posto c’è stato anche il sopralluogo del sindaco, Vincenzo Figliolia, per sincerarsi della criticità della situazione. Lo stesso sindaco, subito dopo l’incendio aveva fatto richiesta della relazione dei vigili del fuoco per conoscere le cause dell’incendio. Inoltre ha investito il prefetto per una valutazione sui rischi del territorio e diffidato il gestore dell’impianto, Enel Distribuzione «per conoscere tutte le misure di messa in sicurezza adottate nel sito, previste dalla normativa e dirette a salvaguardare l’ambiente e la salute pubblica».
Chiesto anche l’intervento dell’Arpac per capire l’impatto ambientale dell’evento. A scopo precauzionale il sindaco ha consigliato di lavare bene frutta, verdura ed ortaggi prima del
consumo. Ancora in corso gli accertamenti dei carabinieri per risalire alle cause dell’incendio.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares