X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Napoli – Partenza a rilento in Campania per l’attività didattica in presenza negli asili e nelle prime classi delle elementari. Sono pochi infatti i Comuni che domani riapriranno le scuole, cogliendo così l’occasione del via libera arrivato ieri dalla Regione Campania.

Napoli e Benevento gli unici due capoluoghi nei quali i bambini da 0 a 6 anni torneranno a scuola, per decisione dei rispettivi sindaci Luigi de Magistris e Clemente Mastella.

Di diverso avviso i sindaci di Caserta, Carlo Marino, di Salerno, Vincenzo Napoli, e di Avellino, Gianluca Festa, che hanno prorogato la sospensione della didattica in presenza rispettivamente fino al 6 dicembre, al 3 dicembre e al 28 novembre.Non si contano i sindaci che hanno firmato ordinanze per la proroga dello stop all’attività in presenza, tra questi: Giugliano, Torre del Greco, Pozzuoli, Casoria, Castellammare di Stabia, Afragola, Marano, Acerra, Portici, Cava dè Tirreni, Ercolano, Aversa, Battipaglia, Scafati, Nocera Inferiore, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata, Quarto, Pomigliano d’Arco, Eboli, Marcianise, Maddaloni, Melito, Caivano, Pagani, Mugnano, Somma Vesuviana, Nola, Angri, Santa Maria Capua Vetere, Frattamaggiore, Gragnano, Sant’Anastasia, Ariano Irpino, Bacoli, Pompei.

Sulle isole scuole chiuse a Procida, mentre sull’isola d’Ischia chiudono 5 comuni su 6 (scuole aperte solo a Serrara Fontana); scuole aperte a Capri e Anacapri. I 6 sindaci della Penisola Sorrentina hanno comunicato congiuntamente la proroga dello stop all’attività in presenza fino al 29 novembre, stessa decisione ad Amalfi e a Positano in Costiera Amalfitana.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares