X

Tempo di lettura 3 Minuti

Due decessi e 81 persone guarite da martedì. Ad oggi il totale dei positivi al Coronavirus è pari a 4.714 persone su un totale di tamponi esaminati pari a 150.764. E’ quanto rende noto l’Unità di crisi della Regione Campania. Il totale dei deceduti è di 401 persone (martedì era di 399); le persone guarite invece sono 2871 (ieri erano 2790). Questo il riparto per provincia: Provincia di Napoli: 2.581 (di cui 979 Napoli Città e 1602 Napoli provincia); Provincia di Salerno: 675; Provincia di Avellino: 526; Provincia di Caserta: 448; Provincia di Benevento: 200; Altri in fase di verifica Asl: 284. Intanto da oggi in Campania ci sarà la riapertura di ristoranti e pizzerie senza limiti di orario; l’orario di chiusura dei locali dove si svolge la cosiddetta movida, e in particolare bar, baretti, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite, resta fissato inderogabilmente alle ore 23. Lo si apprende dalla Regione. In serata sarà pubblicata l’ordinanza del governatore De Luca. Con l’Unità di Crisi sono state prese le decisioni che contemplano da domani anche la riapertura delle aree mercatali non più soltanto per gli alimentari. I Comuni dovranno predisporre i dispositivi di sicurezza nei mercati stessi. Da domani riprenderanno le attività delle autoscuole. Gli orari saranno soggetti a periodica valutazione in relazione alla situazione epidemiologica e al rispetto delle misure di sicurezza. Proseguiranno gli incontri con le categorie interessate per condividere tutte le misure. Sono vietati eventi e party in sale da ballo e discoteche, all’aperto o al chiuso, che possono costituire pericolo di contagio. Riaprirà il 2 giugno la Reggia di Caserta, e per ora torneranno fruibili, con prenotazione obbligatoria e ingressi contingentati di trenta persone ogni quindici minuti, solo il Parco Reale e il Giardino Inglese, con ingresso e uscita dal varco di via Giannone, in pieno centro cittadino; una prima fase sperimentale cui, sulla base di analisi dei dati dell’andamento epidemiologico e del monitoraggio dei sistemi di contenimento attuati, potrà seguire una variazione dei flussi. Dal 17 giugno saranno poi aperti anche gli Appartamenti Reali. Per ora dunque i visitatori potranno accedere esclusivamente agli immensi giardini, e solo prenotandosi, anche se possiedono l’abbonamento o hanno diritto ad agevolazioni o gratuità; la procedura online sarà disponibile dalla prossima settimana. L’ingresso avverrà da corso Giannone, dove saranno posizionati termoscanner e sistemi di controllo automatizzati; successivamente ci sarà l’apertura dei cancelli di piazza Carlo di Borbone. Sulla scelta di utilizzare il varco cittadino, dove dovranno essere installati anche i tornelli, sono state avanzate delle riserve dai sindacati, che premevano perché fosse utilizzato sin da subito uno degli ingressi ubicati in Piazza Carlo III, dove c’è molto spazio ed è molto ridotto il rischio di file o assembramenti.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares