X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Napoli – Nuovo round per il 28 dicembre prossimo per il tavolo Whirlpool. La convocazione ,a quanto si apprende, arriva al termine dell’incontro di oggi al Mise nel corso del quale la multinazionale del bianco ha ribadito la propria opposizione a riprendere la produzione nel sito di Napoli i cui lavoratori beneficeranno del salario e della 13esima fino al 31 dicembre mentre da 1 gennaio sarà richiesto l’accesso alla Cig Covid fino alla fine di marzo e dal 1 aprile sarà dato corso alla procedura di licenziamento collettivo.

«Abbiamo ricevuto in questi mesi moltissime dichiarazioni d’interesse, ma noi vogliamo prima avere chiarezza di ciò che vuole fare l’azienda e poi presenteremo il nostro progetto».

Lo afferma la sottosegretaria allo Sviluppo economico, Alessandra Todde, secondo quanto si apprende da partecipanti all’incontro sullo stabilimento Whirlpool di Napoli, dove anticipa un «incontro tecnico ad hoc” sugli ammortizzatori.

«Non soffriamo di «annuncite» e un Governo serio, come il nostro, lavora silente e a testa bassa per presentare un progetto concreto con cui rilanciare il sito napoletano», aggiunge Todde.

«Il Mise – continua la sottosegretaria- lavora da mesi, per presentare un piano che mantenga a Napoli l’attività produttiva e chiaramente il perimetro occupazionale.
Questo percorso noi lo porteremo avanti, con o senza Whirlpool»

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares