X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

In 24 ore 253 positivi su 7.579 tamponi, due decessi: questi i dati del bollettino di dell’Unità di crisi regionale. Il totale dei positivi è di 11.355 unità; quello dei tamponi è di 566.837. I guariti del giorno sono 150.


“Siamo in una fase delicata, nei prossimi giorni se non avremo dati tranquillizzanti ripercorreremo senza esitazione quanto già fatto per fermare movida, luoghi di ritrovo, discoteche. Siamo nel pieno dell’epidemia, se la curva continua a salire chiuderemo tutto. Se l’alternativa è tra avere morti in strada o fare una allegra passeggiata, non ci sarà alcun dubbio».


Così il governatore Vincenzo De Luca su Facebook, ribadendo l’appello a comportamenti corretti specie con l’uso delle mascherine, reso obbligatorio anche all’aperto. «Dobbiamo fare oggi uno sforzo straordinario altrimenti avremo momenti davvero difficili per le nostre famiglie. Solo con comportamenti responsabili non avremo ripercussioni sulle attività economiche ».


Il governatore ha anche scritto al ministro dell’Interno chiedendo di definire un piano di impegno straordinario delle forze dell’ordine per garantire il rispetto delle misure di prevenzione e sicurezza anti Covid. In Campania, il totale dei positivi è di 11.355 unità; quello dei tamponi è di 566.837. I guariti del giorno sono 150.


“L’allarme di voler chiudere tutto è giustificato da dati che ci nasconde? Quelli divulgati non motivano una chiusura”. Così Stefano Caldoro, commentando l’intenzione manifestata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca di “chiudere tutto” in caso di aggravamento della curva dei contagi. “La condizione attuale dimostra che De Luca non ha mai avuto il controllo dell’emergenza. Invece di fare confusione – aggiunge Caldoro – perché non si preoccupa di aprire gli ospedali Covid non ancora collaudati?


La campagna elettorale è finita ma le sceneggiate continuano. Nostro dovere è denunciare e proporre”. Nuovo lockdown? Nel frattempo però si riaprono, seppur limitatamente al pubblico gli stadi. In serata è lo stesso Govenatore De Luca, come riferisce l’Ansa a dare il via libera all’apertura degli stadi. Via libera anche in Campania per l’accesso di mille spettatori alle partite di calcio di Serie A.


E’ il contenuto dell’ordinanza numero 73 firmata dal governatore Vincenzo De Luca. il provvedimento stabilisce che «è consentita la partecipazione del pubblico alle partite di calcio professionistico di serie A in programma sul territorio campano nei giorni 27 settembre e 30 settembre entro il limite massimo di 1000 spettatori, a condizione del pieno rispetto – da parte delle società, dei gestori e degli utenti- delle disposizioni vigenti». In particolare, la presenza di pubblico è consentita esclusivamente nei settori degli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere nel rispetto del distanziamento interpersonale, sia frontalmente che lateralmente, di almeno 1 metro, obbligo di misurazione della temperatura all’accesso, obbligo di utilizzo della mascherina anche all’aperto.

  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares