X
<
>

Condividi:

NAPOLI – Sono 757 i positivi in più al coronavirus in Campania su 9.925 tamponi effettuati. Si registra 1 morto in più, 470 dallo scorso febbraio. Il totale dei casi ammonta a 16.464, mentre i test analizzati dall’inizio della pandemia sono 654.892. Sono alcuni dei dati comunicati dalla Regione Campania nel bollettino giornaliero. Intanto si è svolto ieri a Roma un incontro del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, con il Ministro della Salute Roberto Speranza e con il Commissario Domenico Arcuri per fare il punto sulla situazione epidemiologica in Campania e predisporre tutte le iniziative necessarie in questa fase.


“Premesso che non si registrano oggi – come già ribadito – problemi di carenza di posti letto per la degenza – si legge nella nota – si è deciso di predisporre tutte le iniziative necessarie per garantire alla Campania le forniture indispensabili per i dispositivi di sicurezza, per i test molecolari e sierologici, e quanto è necessario per attrezzare al meglio le terapie intensive e sub intensive con relativi ventilatori polmonari e i dispositivi. C’è stata nel corso dell’incontro piena condivisione sugli obiettivi e anche sulle misure da adottare per essere pronti ad affrontare anche un aggravamento della situazione epidemiologica”.


“Il presidente De Luca – spiega la nota – ha espresso piena soddisfazione per gli impegni assunti dal Ministro Speranza e dal Commissario Arcuri. Le decisioni prese sono pienamente rispondenti alle esigenze della Campania e all’obiettivo di garantire la sicurezza per i nostri concittadini. Si è deciso quindi di seguire con continuità l’evoluzione dell’epidemia, in un rapporto di collaborazione stretto con il Ministero della Salute e il Commissario delegato.


Si è rilevato un elemento di criticità rappresentato dalla carenza di personale: bandi pubblici già esperiti non hanno prodotto la sufficiente copertura. Il numero elevato di contagi registrati vede una grande prevalenza di asintomatici destinati quindi all’isolamento domiciliare. Ma questo richiede l’impegno straordinario di personale medico infermieristico indispensabile per seguire i pazienti nel periodo di isolamento. Il Presidente della Regione ha deciso di chiedere alla Protezione Civile la messa a disposizione nei tempi più rapidi possibili di personale medico e infermieristico volontario, già utilizzato da Governo e Commissario nell’emergenza dei mesi scorsi, per porre in essere il controllo sui territori”.


«Di fronte all’ultima impennata della curva dei contagi in Campania, il governatore De Luca ha il dovere di ascoltare tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio regionale. È il momento della collaborazione, nell’interesse dei cittadini, ma anche dello stesso governatore che può fare tesoro, in un momento così drammatico, di contributi che provengono da più parti. Siamo al cospetto di dati che si fanno di giorno in giorno sempre più allarmanti, rispetto ai quali bisogna intervenire con ogni misura possibile, evitando nel contempo una nuova chiusura totale di tutte le attività o si rischierebbe di mandare in default l’economia regionale».

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA