X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

Sono 3.334 i nuovi casi di positività rilevati in Campania a fronte di 23.496 tamponi eseguiti. Sono 32 i decessi registrati che portano a 1.192 il totale delle vittime. Sul totale dei positivi gli asintomatici sono 3.127, i sintomatici 207. Dall’inizio della pandemia invece sono 125.276 i casi di positività registrati. In Regione il numero di letti in terapia intensiva disponibili sono 656, quelli occupati 194. Sono invece 3.160 i posti letto di degenza disponibili, 2.287 quelli occupati.

Il calo del numero dei positivi, con una riduzione del rapporto tra contagiati e test effettuati sono le buone notizie della giornata in Campania dove l’emergenza Covid mette sempre più sotto stress le strutture sanitarie. Si acuiscono i problemi legati alla carenza di bombole di ossigeno, evidenziata già da diversi giorni e ancora senza soluzione, e a rischi di speculazione sull’impiego di ambulanze private per il trasporto dei malati in ospedale. Proprio ieri l’Ordine dei medici di Napoli ha rilanciato l’appello al “cuore” dei cittadini.

“Se a casa ci sono bombole di ossigeno inutilizzate portatele in farmacia, se ci sono altri sub o lidi balneari, altri circoli, che possono mettere a disposizione attrezzatura, che si facciano avanti. Mostriamo ancora una volta di avere un grande cuore”. “Siamo tutti parte di una comunità drammaticamente colpita dal Covid – dice il presidente Silvestro Scotti – una comunità che non ha mai smesso di lottare e che sta rispondendo alla pandemia colpo su colpo, con grande dignità nonostante la sofferenza. La carenza di bombole per l’ossigeno ha già messo in luce il grande cuore di questa città, della sua provincia e di tutti i campani, ma dobbiamo fare di più, dobbiamo comprendere che anche un gesto che può sembrare insignificante oggi potrebbe fare la differenza”.

Ancora una vittima da Covid-19 a Torre del Greco (Napoli), la sedicesima della cosiddetta seconda ondata e la quattordicesima da inizio novembre. È quanto emerge dal consueto aggiornamento quotidiano redatto al termine della seduta del Centro operativo comunale dal sindaco della città vesuviana, Giovanni Palomba. Aperdere la vita è stato D.S.M., 89 anni, la cui positività al coronavirus – da quanto comunica il primo cittadino – è stata accertata post mortem.

Dati sostanzialmente stabili a Torre Annunziata dove il sindaco Vincenzo Ascione ha annunciato 69 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore, arco temporale nel quale sono stati invece registrate 63 guarigioni. Sale a 458 il numero dei cittadini attualmente positivi al Covid, dodici dei quali ricoverati presso i Covid Center. Intanto il sindaco di Castel Volturno (Caserta), Luigi Petrella, contagiato qualche giorno fa, è stato ricoverato al Pineta Grande Hospital a causa di una crisi respiratoria; condizioni peggiorate e ricovero anche per il vescovo della Diocesi di Teano-Calvi Giacomo Cirulli, risultato positivo qualche giorno fa. Cala comunque e di molto il numero dei nuovi positivi nel Casertano: mercoledì erano oltre mille con 4mila tamponi, ieri 678 con 3325 test eseguiti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares