X
<
>

Condividi:

In un panorama che vede ancora forti ritardi in varie regioni la Campania ha superato ieri 16mila vaccinati, pari al 49% delle dosi finora ricevute. Si va avanti a ritmo serrato, mentre la curva dei contagi oscilla da alcuni giorni e si è attestata ieri al 9,26%, ben al di sotto della media nazionale (11,4). Sotto controllo la gestione dei ricoveri e delle terapie intensive, resta alto il numero dei nuovi decessi: ieri ne sono stati registrati 33, risalenti ad un arco di più giorni. Ieri è arrivata a Napoli la seconda spedizione delle fiale Pfizer, circa 33.000 dosi destinate ai 27 hub regionali per la vaccinazione dei sanitari.

“C’è abbastanza puntualità nelle consegne – spiega Ugo Trama dell’Unità di Crisi della Campania – l’arrivo era previsto ieri ma il maltempo in Europa sta provocando piccoli ritardi, tutto però procede come previsto e la vaccinazione proseguirà nei prossimi giorni in tutti gli hub, anche nel giorno della befana”. La seconda tranche di dosi è arrivata in aereo da Malpensa.

“La Campania – spiega Trama – sta andando spedita nelle vaccinazioni, siamo tra le prime regioni d’Italia. Stiamo procedendo con ordine anche nell’accantonamento dei vaccini per la dose di richiamo. Intanto nei prossimi giorni faremo delle riunioni con i direttori generali della sanità che ci porteranno i progetti delle strutture per la vaccinazione di massa. In questo senso l’iniziativa dell’Asl Napoli 1 con i padiglioni alla Mostra d’Oltre – mare è un modello sperimentale che ci darà indicazioni su come funzionano grandi strutture».

Ieri il governatore Vincenzo De Luca ha firmato la prima ordinanza del 2021, relativa alla scuola: come già ampiamente annunciato la ripresa delle lezioni in presenza sarà estremamente graduale e sottoposto a verifica di settimana in settimana in base ai dati epidemiologici. Lunedì 11 torneranno in classe gli alunni di prime e seconde elementari, oltre che i bambini delle scuole per l’infanzia.

Per tutte le altre classi il ritorno in presenza potrà essere tendenzialmente rivalutato solo a partire dal 18 gennaio per la terza, quarta e quinta della scuola primaria e dal 25 gennaio per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Infine c’è la notizia dell’autoisolamento deciso dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che ieri pomeriggio ha saputo di essere stato in contatto con una persona risultata positiva.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA