X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

Doveva essere il giorno del vaccino nelle farmacie di Napoli. Ma la partenza è stata lenta: la stragrande maggioranza degli esercizi, infatti, non ha ancora ricevuto le credenziali di accesso alla piattaforma Soresa. Mentre chi le ha ricevute non aveva le scorte di vaccini.

“La macchina organizzativa – spiega Patrizia Florio della farmacia in Piazza Leonardo – di ordine e sindacato è stata impeccabile. Stamattina dovevamo partire ma ci sono difficoltà sulla piattaforma online. Ho ricevuto i vaccini ma non posso accedere per registrare i pazienti o registrare la vaccinazione di chi ha già fatto l’adesione. Temevo che ci sarebbero state difficoltà e infatti non ho preso appuntamenti stamattina, chiamerò i pazienti appena si sblocca tutto».

Stesse difficoltà per la gran parte delle altre farmacie cittadine. «Attualmente sono stati abilitati 650 operatori delle farmacie e altri 90 sono in via di abilitazione. Entro oggi finiremo l’attivazione di tutti» la rassicurazione di Soresa, spiegando la procedura che sta rallentando l’attivazione delle vaccinazioni nelle farmacie di Napoli e della Campania. La procedura di attivazione è iniziata stamattina, spiegano da Soresa, e le Asl stanno passando a Soresa le richieste di abilitazione da parte delle farmacie.

«Non è un problema di funzionamento dell’applicazione, che non ha problemi – spiegano – ma di abilitazione progressiva di tutti». Delusi i napoletani che aspettavano una telefonata dal farmacista di fiducia per sottoporsi all’iniezione di Johnson: l’attesa è stata vana per molti di loro.

Lo sforzo della Regione è concentrato sulla campagna vaccinale. Dal presidente De Luca arriva un appello: «La Campania è impegnata in uno sforzo straordinario per garantire un’estate sicura a tutti, e poi l’inizio del prossimo anno scolastico in serenità. Dobbiamo fare un ulteriore scatto per vaccinare più cittadini possibile. Faccio appello a quella piccola quota che non ha ancora aderito alla campagna vaccinale. Con un altro piccolo sforzo raggiungeremo l’obiettivo di immunizzare tutti nel più breve tempo possibile».

Da domani, intanto, via alle vaccinazioni dei senza fissa dimora grazie alla collaborazione con le associazioni di volontariato attive sul territorio dell’Asl Napoli 1 Centro (Caritas Napoli, Cittadinanza Attiva Campania Napoli ovest, Comunità di Sant’Egidio, Croce Rossa Italiana Napoli, Emergency Napoli). I medici e il personale dell’Azienda Sanitaria Locale di Napoli inizieranno a vaccinare i senza fissa dimora sulla base degli elenchi forniti dalle associazioni di volontariato.

Alle persone che, volontariamente, si sottoporranno alla vaccinazione sarà anche donato un kit di prodotti di prima necessità, igienizzanti e mascherine. Il bollettino di ieri parla di 177 nuovi positivi al Covid in Campania, su 3.406 tamponi molecolari analizzati: come sempre, il minor numero di test eseguiti la domenica fa balzare in avanti il tasso di incidenza, dal 3,07 al 5,19%, numeri calcolati senza tenere conto dei tamponi antigenici. Nel bollettino odierno dell’unità di crisi anche 10 nuove vittime. In calo i ricoveri.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA