X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

“Green pass? Non capisco qual è l’alternativa. Hanno fatto la manifestazione per chiedere cosa? Ricreazione per tutti? Liberi tutti? Siamo liberi, pronti a divertirci e poi a chiudere l’Italia”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine di un evento al policlinico di Napoli. “Lasciamo perdere le stupidaggini, andiamo avanti – aggiunge De Luca -. Abbiamo perso un mese e mezzo per responsabilità nazionali perché la comunicazione fatta da Roma è stata sconcertante e ha creato dubbi, incertezze, preoccupazioni. Tante segnalazioni contraddittorie sono arrivate anche alle Regioni. Le scemenze dette a Roma hanno creato un clima di confusione che ha rallentato la vaccinazione – dice De Luca -. Adesso si sta riprendendo la vaccinazione con grande impegno, i giovani hanno capito che se non ci vacciniamo non torniamo alla vita normale”.

Vaccini obbligatori a scuola in Regioni con percentuali di vaccinazioni basse? Io sono assolutamente d’accordo per renderlo obbligatorio per il personale. Grazie a Dio in Campania il problema non ce l’abbiamo perché si sono vaccinati tutti e li ringrazio nuovamente perché hanno dimostrato una straordinaria responsabilità. Facciamo altre dieci ordinanze per rendere obbligatorie dieci mascherine, anche sulle orecchie”. Quando diciamo che chi si vaccina è immunizzato per il 92% al massimo, dobbiamo sapere che anche con la seconda dose c’è un 10% che si contagia”.

“Il vantaggio è che chi è immunizzato non va in terapia intensiva – spiega De Luca – e non ha problemi seri, ma contagia a sua volta gli altri quindi l’uso della mascherina dev’essere obbligatorio sempre anche quando si è vaccinati per la tutela propria e degli altri. È davvero un martirio portare la mascherina? Certo è un piccolo fastidio ma in cambio abbiamo una grande protezione e un aiuto per tornare alla vita normale. Un po’ di buon senso”. Poi De Luca sottolinea: “Avete visto le immagini dei locali notturni e delle discoteche? Anche quando si fa finta di avere ingressi controllati, venti, dieci, trenta persone, poi arriva l’una, le due di notte e si scatenano ed entrano centinaia di persone a fare quello che vogliono. Non va bene. Benissimo il Green pass anzi la Campania ha fatto già da quattro mesi il Green pass e sarebbe un bel modello anche per il governo nazionale”.

«Dobbiamo vaccinare i ragazzi, facciamo uno sforzo in questi giorni, nella prima settimana di agosto e nell’ultima. Poi faremo un punto a inizio settembre, se sarà necessario aspettare un’altra settimana per aprire le scuole lo faremo.

«Per aprire le scuole in presenza la precondizione è avere tutto il personale vaccinato e in Campania lo abbiamo fatto, siamo primi in Italia, abbiamo vaccinato tutti. Ora l’importante è completare la campagna di vaccinazione in modo tale che i ragazzi potranno tornare a scuola in grande tranquillità. Rilanciamo l’appello a vaccinarsi tutti, anche sotto i 18 anni. Tra i tanti primati che vantiamo c’è anche quello di avere in Campania il più alto livello di immunizzazione del personale scolastico”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA