X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

NAPOLI – Un lieve aumento del numero dei positivi, crescita dei ricoverati nei reparti di degenza. Sono i dati in sintesi del bollettino quotidiano dell’emergenza Covid in Campania. I positivi registrati ieri sono stati 471 su 8.811 tamponi molecolari. Il tasso di positività è al 5,34% rispetto al precedente 5%. Nessun decesso ieri, mentre due vittime dei giorni scorsi sono state registrate ieri. Stabili i ricoveri in terapia intensiva (12) mentre aumentano quelli in degenza ordinaria. Ora sono 196 rispetto al dato precedente di 189.

Intanto il governatore De Luca ha emesso ieri una nuova ordinanza. Prorogato fino al 31 agosto in Campania l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto. Sono prorogate le misure in scadenza relative all’utilizzo di dispositivi di protezione individuali e alla vendita di alcol e aggiorna alle direttive che scatteranno dal 6 agosto sul territorio nazionale le disposizioni relative agli spettacoli e ai controlli all’aeroporto di Napoli Capodichino.

L’ordinanza prevede quindi dal 1° agosto al 31 agosto “l’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’esterno in ogni situazione in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o quando si configurino assembramenti o affollamenti”.

L’utilizzo delle mascherine “resta pertanto obbligatorio, sul territorio regionale, in ogni luogo non isolato, ad esempio nei centri urbani, nelle piazze, sui lungomari nelle ore e situazioni di affollamento, nonché nelle file, code, mercati o fiere ed altri eventi, anche all’aperto, nonché nei contesti di trasporto pubblico all’aperto quali traghetti, battelli, navi”.

All’ordinanza replica Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Campania, “Assistiamo ad un irrigidimento delle regole che frena lo sviluppo dell’economia delle attività della nostra regione. Da tempo sottostiamo agli obblighi del Green pass, a ogni tipo di limitazione e a restrizioni che sono legittime per frenare la pandemia ma che vessano sempre e in particolare le attività commerciali. In questo momento la pesantezza che vivono gli imprenditori è eccessiva.

Capiamo l’esigenza di frenare il contagio ma non tutte le conseguenze devono pesare sulle spalle degli imprenditori. Contiamo e speriamo che le forze dell’ordine controllino l’utilizzo della mascherina e scongiurino gli assembramenti. Multando chi non rispetta le regole ma salvaguardando gli imprenditori e il mondo dell’economia, la cui attività è fondamentale per il presente di centinaia di migliaia di famiglie e per il futuro dei nostri figli.

E soprattutto per i tanti giovani campani che hanno il diritto e devono avere la dignità di trovare lavoro nella nostra regione”. Sul prossimo obbligo del Green Pass, inoltre, Schiavo sostiene: “Confesercenti, ancora una volta, dice sì alle regole… a patto che il Green Pass serva a non far chiudere mai più le imprese. Ma l’onere dei controlli non deve gravare sugli imprenditori. A ognuno il suo ruolo. La vigilanza sui Green Pass non può spettare a chi fa impresa cercando di far quadrare i conti. Bisogna trovare subito un compromesso che faciliti l’economia anziché complicarla”, conclude.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA