Tempo di lettura 2 Minuti

NAPOLI – «E’ inaccettabile che, al cospetto della salute dei cittadini, il ministro Speranza si limiti a richiamare il rispetto di norme formali. C’è in gioco la vita di tutti noi, il ministro della Salute non può farne una questione meramente contabile. Se bastassero i tecnicismi, non avremmo bisogno di politici ma di tecnici. E’ oramai inconfutabile che la sanità in Campania con De Luca è diventata il caso emblematico che conferma l’inadeguatezza dei criteri Lea per misurare la qualità dell’assistenza». Così la capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino.
«Criteri che si basano semplicemente su una media tra i numeri che, come accade nella nostra regione, sono pessimi per ambiti fondamentali e sufficienti in altri di minor conto».
“Con i nuovi parametri di valutazione, la Campania – aggiunge Ciarambino – risulterebbe addirittura all’ultimo posto per garanzia del diritto alla salute. Una valutazione confermata in questi giorni dal rapporto della Fondazione Gimbe sul monitoraggio Lea tra 2010 e 2017, in base al quale la Campania è risultata fanalino di coda tra le regioni che garantiscono le cure ai cittadini. Come mai il ministro non commenta questi dati? A Speranza abbiamo consegnato un corposo dossier sulle criticità e carenze della nostra sanità, ad esempio sulla mancata autorizzazione all’esercizio della maggioranza degli ospedali pubblici della Campania, sulla bocciatura totale sugli obiettivi di prevenzione e sull’assenza dell’assistenza territoriale per i cittadini più fragili. Su questo – conclude – ci aspettiamo provvedimenti forti».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •