X

Tempo di lettura < 1 minuto

Abbiamo voluto esprimere solidarietà ai lavoratori della Whirlpool sostenendo la loro causa di protesta per il rischio di perdere il lavoro. Abbiamo pensato che la pizza, quale prodotto tipico e popolare, potesse esprimere tutta la napoletanità di una causa così importante”.
    Si racchiude in queste poche parole di Claudio Sebillo, uno degli organizzatori del Napoli Pizza Village (dal 13/22 settembre), l’azione di solidarietà in favore dei lavoratori della nota azienda americana che sono in sit-in fuori lo stabilimento di via Argine a Napoli. Due forni a legna e centinaia di pizze sfornate nella notte hanno così sostenuto il presidio fisso dei lavoratori. Protagonisti della notte di lavoro i pizzaioli napoletani i fratelli Salvo ed Errico Porzio che, a turno, si sono alternati nell’infornare pizze che sono state distribuite ai lavoratori accampati fuori l’azienda di elettrodomestici per difendere la linea produttiva e il proprio posto di lavoro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares