X

Tempo di lettura 2 Minuti

«Partiamo da 5 a 2 per il centrosinistra, vediamo cosa succede. Secondo me finisce 5 a 2 per noi, anche se, perché sono umile, io punto al 7 a 0». Così, a Bari, utilizzando anche una battuta, il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha fatto il suo pronostico sulla prossima tornata elettorale, con il voto in sette regioni: Campania, Puglia, Toscana, Marche, Liguria, Veneto e Valle d’Aosta.

“Recentissimi sondaggi hanno confermato che il centrodestra campano è in grandissimo recupero. E che Stefano Caldoro può battere Vincenzo De Luca. A patto però che la coalizione nella nostra regione ritrovi un clima di sostanziale unità e di leale collaborazione. Spero sinceramente nell’inte – resse di tutti, e per il rispetto che si deve al corpo elettorale, che gli uomini di Salvini sul territorio la smettano con questo nuovo ed insopportabile tormentone sulle liste opache. Questo giochino lasciamolo ai grillini che sono sempre più a corto di argomenti, e sicuramente destinati ad una assoluta marginalità”. Lo dichiara Amedeo Laboccetta ex deputato del Pdl, Presidente di Polo Sud.

“Per Berlusconi, Meloni e Salvini tornare a vincere in Campania con Caldoro ed in Puglia con Fitto – aggiunge – significa anche che in tutto il Sud non c’è più spazio per le sinistre ed il grillismo. Si organizzi al più presto nella Città di Napoli, Capitale del Sud, una convention di tutti gli amministratori eletti nel Mezzogiorno alla presenza di Berlusconi, Meloni e Salvini. Tre giorni di confronti con le categorie produttive, le forze sociali e sindacali, gli ordini professionali, le associazioni di volontariato, i rappresentanti della scuola e della Università e della Cultura. Il Sud positivo torna protagonista”, conclude.

“La distanza tra Caldoro e De Luca si è già ridotta a sei minuti e ancora non siamo in campagna elettorale. La Campania è democristiana, noi saremo in campo con lo scudo crociato e faremo la differenza. Caldoro vincerà”. Così Gianfranco Rotondi su Twitter conferma la presenza di una lista della federazione democristiana a sostegno di Stefano Caldoro. «I sondaggi relativi ai possibili risultati delle elezioni regionali in Campania di settembre evidenziano un distacco tra il centrodestra e il centrosinistra di n. 6 punti a vantaggio di quest’ultima coalizione. Tale percentuale può essere recuperata e portare alla vittoria la nostra coalizione ma bisogna mettere in campo liste forti e di qualità candidando tutti coloro che hanno gestione di potere politico e smetterla con i veti da parte della Lega «. E’ quanto afferma il Segretario Generale di «Sud Protagonista» , Salvatore Ronghi, che ha scritto una lettera ai Coordinatori regionali di FI, Lega e FDI, Domenico De Siano, Nicola Molteni e Antonio Iannone.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares