X

Tempo di lettura 2 Minuti

“La partita perfetta? Bisognerebbe fare il 95% di possesso, ma ci si può avvicinare alla perfezione, preparando delle cose e applicandole ed è quello che cerchiamo domani”. Lo ha detto il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, alla vigilia della sfida contro la Juventus. “La gara di Torino – spiega – vale tre punti, di più non vale. Arriva in un periodo fresco del campionato ma c’è anche un aspetto mentale e vincere sicuramente ci darebbe molto entusiasmo”.

 “Per Ronaldo ho infinita riconoscenza, al di là dei gol che ha fatto quando ero Madrid e che ci hanno portato a vincere la Champions, per le qualità umane che ha dimostrato. Sono felice che sia arrivato in serie A perché per il calco italiano è valore aggiunto”. Lo ha detto il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, alla vigilia della sfida contro la Juventus. “Il Pallone d’oro? Ronaldo dovrebbe sempre vincerlo – ha detto Ancelotti -, anche se quest’anno i premi li ha vinti finora un giocatore a cui sono affezionato come a Ronaldo”, ha spiegato Ancelotti riferendosi al croato Luka Modric.

“Il Napoli sta cambiando nella gestione delle partite, ha preso solo un gol e ne ha segnati sette, subisce meno tiri in porta. Ha giocatori importanti, Carlo (Ancelotti, ndr) ha avuto l’intelligenza di non distruggere quanto fatto da Sarri e ha portato la sua mentalità, la sua serenità”. Lo ha detto Massimiliano Allegri, alla vigilia dello scontro diretto. “Ancelotti è un maestro. Anzi, è un professore. Anche quando hanno perso a Genova con la Sampdoria, ha fatto la conferenza stampa da grande allenatore, senza farsi prendere dalle ansie del mondo”.
   

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares