Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

Napoli – “Lo Scudetto è il sogno di tutti, gli altri anni ci siamo andati vicini e poi ci siamo rimasti malissimo. Se giochiamo uniti tutti insieme possiamo mettere in difficoltà chiunque, ma ci sono anche gli avversari e sarà sempre difficile. La promessa che posso fare è che con i compagni lottiamo fino alla fine per l’obiettivo”. Così Lorenzo Insigne, capitano del Napoli, parla dal ritiro di Dimaro ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. “Basta con i secondo posti? Speriamo di si. Abbiamo una grande concorrente (la Juventus, ndr), con noi Sarri all’inizio non è mai partito benissimo. Lì ci sono grandi campioni, proveremo a metterli in difficoltà”, ha aggiunto.   “Rispetto ad altre squadre credo che ci sia una bella base solida: la Juve ha cambiato, come l’Inter, il Milan e la Roma, penso che quest’anno possiamo partire con il piede giusto ed arrivare in fondo. Siamo un gruppo solido, sempre gli stessi da tanti anni, e questo può darci un vantaggio”, ha dichiarato ancora Insigne. Da un punto di vista personale, il capitano azzurro è apparso più sereno e determinato in questa prima parte di ritiro a Dimaro. “Grazie alla fiducia del mister e dei compagni, spero di ricambiare nel miglior modo possibile per poter fare un campionato migliore dello scorso anno”, ha detto. Sulla fascia di capitano e sulla numero 10, Insigne ha ribadito: “Anche senza la fascia ho sempre avuto tante responsabilità, ci si aspetta tanto da me. Sono il primo a stare male se il Napoli non vince. Lo so che la 10 l’ha portata il giocatore più forte al mondo. Io fatto la scelta del numero per una dedica a mia moglie, e non ho intenzione di cambiarla”.  Sui fischi subiti nella scorsa stagione, Insigne ha dichiarato: “Ci rimango male perchè sono napoletano, ma non solo a me, non bisogna fischiare i giocatori, noi in campo diamo sempre l’anima e questo a volte non viene percepito”. Capitolo rinforzi, è arrivato Manolas dalla Roma. “Koulibaly-Manolas coppia da primi posti? Kalidou è tra i migliori difensori in Europa, Manolas ha fatto sette anni a Roma, ha segnato in Champions, gioca in nazionale ed ha esperienza. Ci darà una mano a subire meno gol”, ha dichiarato. Infine sul possibile arrivo di James, Insigne ha concluso: “Noi apriamo le porte a tutti i giocatori forti che la società prende, siamo un grande gruppo di bravi ragazzi. Lui è un vero numero 10 ed ha qualità, ma le scelte le fanno il mister e la società. Chiunque verrà lo accoglieremo a braccia aperte”.